Categorie
Francesca Parma

Riguardo il caso Busitalia…

Caso Busitalia, Gambarini (Cambiamo!): “Pizzarotti dov’era?” 

PARMA, 11 set. – “La Procura di Parma contesta reati gravissimi a 11 persone riguardo la vicenda Busitalia. Smtp, la società che ha emanato il bando e disposto l’aggiudicazione oggetto dell’inchiesta, è di proprietà di Comune di Parma e Provincia di Parma. Dov’erano gli enti? Dati gli sviluppi non ci pare che la funzione di controllo sia stata espletata granchè bene”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!, il movimento di Giovanni Toti. “Il trasporto pubblico locale, che per tutti in provincia di Parma è da sempre associato a Tep, ha rischiato dopo anni e anni di essere gestito al di fuori del nostro territorio. Con tutti i rischi cui si poteva andare incontro – prosegue Gambarini – . La giustizia ha dato però torto a Smtp e a Busitalia, annullando, al termine di una battaglia a colpi di carte bollate. Il quadro che si è andato a delineare dopo l’inchiesta della Magistratura è inquietante, dato che secondo la Procura le procedure seguite non sarebbero proprio state corrette, per usare un eufemismo. In tutto questo ci chiediamo dove sia il sindaco Pizzarotti. Di tempo libero, dato che ha partecipato anche ad un gara di cucina, ci pare ne abbia e non lo abbiamo sentito dire una parola su questa vicenda. Vicenda che ha visto due società partecipate – Tep e Smtp – una contro l’altra. Pizzarotti stava per riuscire anche nell’impresa di far perdere al nostro territorio la gestione del trasporto pubblico. Per fortuna la testardaggine di Tep l’ha impedito”. 

Caso Busitalia, Gambarini (Cambiamo!) incalza Pizzarotti: “Il suo silenzio dovuto all’imbarazzo?”
PARMA, 19 set. “Prosegue il silenzio del sindaco Pizzarotti sul caso Busitalia. Capiamo che sia impegnato in cose più importanti, ma su una vicenda così grave e legata ad un servizio importante come il trasporto pubblico locale, il suo far finta di niente è vergognoso”. Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!, torna sulla vicenda Busitalia. “Forse si sente in imbarazzo dato che ai tempi dell’aggiudicazione del bando a Busitalia, Pizzarotti si era apertamente schierato contro la Tep, l’azienda che da sempre ha gestito il trasporto pubblico locale nella nostra provincia. Pizzarotti (socio in quanto sindaco di Parma al 50% sia di Tep, sia di Smtp, l’azienda che ha emanato il bando) aveva attaccato duramente il Cda di Tep chiedendo le dimissioni dei suoi componenti e dichiarandosi molto soddisfatto degli investimenti promessi da Busitalia – prosegue Gambarini – . Peccato che nella superofferta di Busitalia ci fosse più di qualcosa che non andava, come dimostrato dal vaso di reati gravissimi scoperchiato dalla magistratura e dalla guardia di finanza con la loro inchiesta! Pizzarotti nel suo ruolo di socio di Smtp avrebbe dovuto vigilare sull’iter del bando e invece nessuno si è insospettito e la gestione del trasporto locale ha rischiato di essere affidata a una società e a persone sulle quali la magistratura sta indagando per reati gravissimi quali turbativa d’asta in concorso, corruzione e falso materiale. Qualche cosa che non quadrava, a quanto pare, c’era e come e menomale che qualcuno ha voluto approfondire. Nonostante il silenzio ormai assordante di Pizzarotti. Come disse qualcuno, il silenzio non fa domande, ma può darci una risposta a tutto?”.

Categorie
Francesca Giuseppe Comerci Il mio impegno per Fidenza

Cambiamo!: “Rette più basse per i nidi”

Rette più basse per i nidi? La Regione arriva tardi: in alcuni comuni della Regione, come anche Fontevivo amministrato dal centrodestra, per tanti i nidi sono gratuiti. Perché a Fidenza no? Il sindaco Massari ci racconta ogni giorno che Fidenza è un comune virtuoso. Quindi perché non dare un segnale alle famiglie e alle giovani coppie e investire nel sociale azzerando le rette per chi ne ha i requisiti? Chiediamo alla giunta di analizzare questa nostra proposta. Una proposta a favore delle tante giovani coppie italiane che si trovano costrette a pagare rette altissime e che con questa proposta si vedrebbero per una volta premiati. Naturalmente sarà necessario individuare criteri per fare in modo che non si riveli la solita agevolazione per extracomunitari che tanto piace alla sinistra. Vanno individuati requisiti chiari nell’ottica di dare un sostegno alle famiglie italiane. Se il bilancio è sano come ci raccontano non dovrebbe essere difficile reperire le risorse da unire ai contributi statali e regionali. Facciamo vedere che per una volta Fidenza pensa alle famiglie e al futuro. Noi siamo convinti si possa fare: basta solo decidere quali sono le priorità e lì investire. Per noi la priorità è il benessere dei fidentini e dei loro figli che sono il nostro futuro.
Francesca Gambarini Comitato nazionale Cambiamo!
Giuseppe Comerci Consigliere comunale Cambiamo! 

Categorie
Francesca Italia

Nasce ufficialmente il partito politico Cambiamo!

Francesca Gambarini firma lo statuto di Cambiamo!

ROMA, 19 set. – “Ieri, a Roma, è nato ufficialmente il partito politico Cambiamo!, creato dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Tra i fondatori del partito c’è anche Francesca Gambarini, una dei 30 firmatari dello statuto del partito. Gambarini è stata tra le prime ad aderire al progetto di Toti e si sta occupando della sua organizzazione nel Parmense, territorio dove si sono già registrate diverse adesioni al nuovo partito. “Cambiamo! punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai tradizionali partiti e sognano un centrodestra nuovo in cui potersi rispecchiare – commenta – . Noi vogliamo parlare di crescita, di futuro, di meritocrazia e di sviluppo. E lo faremo con la concretezza di chi ogni giorno deve affrontare e risolvere problemi. Il gruppo fondatore è fatto da tanti amministratori locali che vivono a stretto contatto con la realtà e che sanno cosa vuol dire lavorare per il territorio. La nostra politica sarà tra la gente e per la gente, non al chiuso dei palazzi”. Gambarini si sta occupando dell’organizzazione di Cambiamo! nel parmense: “A breve nasceranno i circoli anche nel nostro territorio. Già tante persone che non si riconoscevano più nei tradizionali partiti hanno preso contatto con noi per lavorare al nostro progetto. Invito a contattarci chiunque voglia spendersi per cambiare in meglio la nostra Provincia e la nostra Regione. L’unico requisito è volersi mettere in gioco e impegnarsi in prima persona costruendo mattone dopo mattone una nuova casa per i cattolici e i liberali che vogliano che la nostra terra si libera dalla cappa di potere rosso che la soffoca”

Categorie
Francesca Giuseppe Comerci

Nasce a Fidenza (Pr) il gruppo consiliare “Cambiamo!”

Toti, Gambarini, Comerci

Nasce a Fidenza (Pr) il gruppo consiliare “Cambiamo!”

FIDENZA, 16 set. – “Cambiamo!” arriva nel Consiglio comunale di Fidenza, cittadina del Parmense. Ieri il consigliere Giuseppe Comerci ha annunciato che formerà il gruppo consiliare “Cambiamo!” all’interno del parlamentino fidentino. Comerci, insieme a Francesca Gambarini, è stato uno dei primi ad aderire nel Parmense al progetto politico del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. “Mi sono ritrovato subito nelle idee di Giovanni Toti e nel suo modo di fare politica concreto che non guarda tanto ai simboli ma alle persone e alle cose da fare con una linea politica chiara – spiega Comerci – . Porteremo anche a Fidenza la concretezza del governatore della Liguria, continuando a lavorare con i cittadini e per i cittadini, senza più i limiti che ormai ci poneva il rimanere in un partito come Forza Italia”. “Con la nascita del gruppo consiliare “Cambiamo!” all’interno del Consiglio comunale di Fidenza, iniziamo a strutturarci sul territorio – commenta Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale del movimento – . A breve nasceranno i circoli su tutto il territorio provinciale. Diverse persone ci stanno contattando per partecipare a questo progetto e costruire insieme una nuova casa dei cattolici, dei liberali e dell’Italia che lavora e produce. Per quanto ci riguarda, il nostro lavoro per il territorio, che non si è mai fermato perchè a noi non interessano i simboli ma i fatti, ma, anzi, sta proseguendo con ancora più passione ed entusiasmo”.

Categorie
Francesca Italia

L’Agenzia delle Entrate le studia tutte per mettere in difficoltà i cittadini che lavorano e producono.

L’Agenzia delle Entrate le studia tutte per mettere in difficoltà i cittadini che lavorano e producono.

L’ultima novità sono gli Isa, gli indici sintetici di affidabilità fiscale. Avrebbero dovuto sostituire gli studi di settore ma hanno addirittura peggiorato le cose. L’Agenzia delle Entrate continua a modificare i sistemi di calcolo di questi indici e a pochi giorni dalla scadenza per il pagamento delle tasse chi ha una partita IVA ancora non sa quanto deve pagare. Vi pare possibile? L’introduzione degli Isa va rimandata almeno fino a quando non sarà chiaro il loro funzionamento. Forse chi decide queste cose ai piani alti non ha mai avuto una partita Iva e mai ha emesso una fattura. L’Agenzia delle Entrate continua a vessare ed assillare i cittadini e chi la dirige nemmeno se ne rende conto!!!! Invitiamo questi signori a farsi da parte perché chi non ha mai vissuto nel mondo reale non può “giocare” così con il lavoro delle persone perbene che lavorano e producono pagando quelle tasse che vengono usate anche per pagare i loro stipendi.

Cosa sono gli indici Isa? https://www.ilsole24ore.com/art/isa-ultimi-chiarimenti-una-circolare–oggi-quesiti-forum-sole-ACgbb1i

Categorie
Francesca Italia

Gambarini (Cambiamo!): “Cambiamo! oggi era in piazza per esprimere quel dissenso che non abbiamo potuto esprimere nelle urne”

Gambarini (Cambiamo!): “Cambiamo! oggi era in piazza per esprimere quel dissenso che non abbiamo potuto esprimere nelle urne”

PARMA, 9 set. – “L’Italia non ha bisogno di patti per le poltrone. L’Italia ha bisogno, invece, di un Governo che rispecchi la volontà espressa dagli elettori dalle urne. L’alleanza tra Pd e 5 Stelle, che per anni non hanno fatto altro che criticarsi aspramente e querelarsi, non è quello che gli italiani vogliono. Ne abbiamo avuto stamattina la dimostrazione: la piazza davanti a Montecitorio era strapiena di persone che, pacificamente e senza simboli di partito ma semplicemente con il tricolore si sono radunate per chiedere le elezioni e mostrare la loro contrarietà all’operazione di palazzo da cui è nato il Conte bis. Bene ha fatto Giovanni Toti a partecipare alla manifestazione insieme a Giorgia Meloni e Matteo Salvini”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!, il movimento di Giovanni Toti. “Cambiamo! oggi era in piazza per esprimere quel dissenso che non abbiamo potuto esprimere nelle urne: l’altissima partecipazione è un altro segnale che Pd e 5 Stelle non sono il Governo che gli italiani vogliono – prosegue – . Speriamo non facciano troppi danni! il nostro Paese ha bisogno di crescita, sviluppo, lavoro meno tasse, meno burocrazia e più sicurezza: tutto questo non e possibile con il governo rossogiallo nato nel chiuso dei palazzi romani per la paura delle elezioni. Spiace per chi stamattina non ha partecipato alla manifestazione, è stata un’occasione persa. Stamattina si è anche dimostrato che un centrodestra nuovo e che va al di là degli steccati dei partiti è possibile. Lavoriamo per costruirlo anche in Emilia Romagna”.

Categorie
Francesca Italia

Emilia Romagna, Gambarini (Cambiamo!): “Alternanza necessaria. Serve un governo regionale libero da ideologie”

Emilia Romagna, Gambarini (Cambiamo!): “Alternanza necessaria. Serve un governo regionale libero da ideologie” 

BOLOGNA, 6 set. – “Se non c’è alternanza le istituzioni deperiscono perché deperiscono le idee”. Il centrodestra lancia la sfida al governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini in occasione di un dibattito tenutosi ieri sera a Modena tra Bonaccini e il presidente della Regione Liguria e il leader di Cambiamo! Giovanni Toti. “È ora di cambiare l’Emilia Romagna – afferma senza mezzi termini la parmense Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!”. Bonaccini mistifica la realtà e racconta cose che non esistono. Parla di immigrazione controllata senza dire che l’Emilia Romagna è la Regione con il più alto tasso di immigrati. Basta uno sguardo alle periferie delle città emiliano romagnole. Secondo noi non è possibile che chiunque entri in Italia e in Emilia: i flussi vanno fermati. L’Emilia non può farsi carico di tutto e tutti. Bonaccini parla poi di terremoto e ricostruzione per poi essere costretto ad ammettere che ciò che è stato fatto è merito di cittadini e imprenditori che si sono rimboccati le maniche. Se avessero aspettato la Regione sarebbe tutto ancora fermo. Come infatti è successo da altre parti con i commissari piddini Errani e De Micheli. Dulcis in fundo parla di famiglia: con che coraggio ne parla dopo che nella Regione da lui governata si è scoperto che all’interno di enti pubblici c’era chi lucrava sui bambini. Un fatto gravissimo e il Governatore nemmeno ha voluto fare una commissione esterna ma ha lasciato che a fare le verifiche fosse il Pd, lo stesso partito che aveva invitato la dr.ssa Anghinolfi a parlare di affidi in Regione”. Gambarini conclude: “Bonaccini parla per slogan e cerca di imbarcare tutti nella sua coalizione contro il centrodestra. Ha paura di perdere e di veder crollare quel sistema di potere rosso costruito dalla sinistra. Noi proponiamo un progetto di governo che guarda al futuro, alle prossime generazioni e ai nostri figli, senza piegare all’ideologia l’azione politica e amministrativa della Regione. Ha detto bene il presidente Toti: dobbiamo essere lungimiranti e lavorare per lo sviluppo del territorio, non per portare a casa una manciata di voti in più”. 

Categorie
Francesca Italia

Emilia Romagna, Gambarini (Cambiamo!): “Pd, 5 Stelle e Pizzarotti: l’alleanza delle poltrone”

Emilia Romagna, Gambarini (Cambiamo!): “Pd, 5 Stelle e Pizzarotti: l’alleanza delle poltrone”

PARMA, 2 set. – “Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Pizzarotti e chi più ne ha più ne metta. L’alleanza di estrema sinistra che sta prendendo forma per le elezioni regionali in Emilia Romagna sembra sempre più un’armata brancaleone. Mi pare più che evidente che una coalizione del genere sarebbe tenuta insieme soltanto dalla paura di perdere e dal desiderio di poltrone”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!, il movimento di Giovanni Toti. “Il sindaco di Parma Pizzarotti, dopo aver annunciato l’alleanza del suo partito con il Pd, si è già detto pronto a candidarsi: a quanto pare allearsi anche con il suo ex partito non gli creerebbe alcun problema – prosegue Gambarini – . Anche perchè sono tenuti insieme dal comune obiettivo della poltrona. E così dopo essere stata senza sindaco in occasione della campagna elettorale per le Europee, Parma potrebbe essere dimenticata di nuovo con la campagna per le Regionali. Una campagna in cui Pizzarotti e il suo partito si preparano ad essere alleati di quel Pd che a Parma almeno formalmente fa parte dell’opposizione. Crediamo che Pizzarotti debba scegliere o fa il sindaco o si dimette e si dedica alle sue legittime ambizioni politiche. Ogni giorno che passa diventa più necessaria una coalizione di centrodestra che presenti ai cittadini un progetto chiaro di Governo per cambiare l’Emilia Romagna in alternativa ad una sinistra che sta imbarcando tutto e tutti per costruire un’alleanza contro il centrodestra”.

Categorie
Francesca

Gambarini e Comerci (Cambiamo!): “Più controlli sulle onlus”

Qualche giorno fa in Consiglio comunale il sindaco Massari aveva garantito che nessuna delle persone e delle associazioni coinvolte nell’inchiesta Angeli e Demoni aveva avuto rapporti con il Comune di Fidenza e il nostro distretto socio sanitario. A parte naturalmente Federica Anghinolfi scelta dal dirigente per una commissione per selezionare il responsabile dei servizi sociali per via della sua grande competenza. E già qui avremmo da ridire. Ora viene fuori che una delle onlus che collaborano con Fidenza e il suo distretto – la Madamadore – ha rapporti con Nadia Bolognini, moglie di Claudio Foti. Abbiamo inoltre appurato che la presidente di Madamadore siede nel direttivo della rivista Infanzia inascoltata con lo stesso Foti,che ne è direttore,e la stessa Bolognini Tutti coinvolti nell’inchiesta sugli affidi illeciti. Perché questo non è stato detto in Consiglio comunale? Perché si raccontano sempre le cose a metà? Chiediamo che il Comune, Asp e Ausl facciano verifiche approfondite sulle onlus con le quali collaborano e interrompono qualsiasi rapporto con quelle che hanno legami con Hansel e Gretel. Lo si faccia e subito.
Giuseppe Comerci Francesca Gambarini Comitato Cambiamo con Toti

Categorie
Francesca Parma

Rissa a Parma, Gambarini (Cambiamo!): “Il cuore della città ridotto a campo di battaglia per bande di extracomunitari”

Rissa a Parma, Gambarini (Cambiamo!): “Il cuore della città ridotto a campo di battaglia per bande di extracomunitari”

PARMA, 20 ago. – “Il cuore di Parma, piazza Garibaldi, che diventa campo di battaglia per risse tra gruppi di extracomunitari. E’ così che è stata ridotta la città dal sindaco Pizzarotti e dal suo buonismo a tutti i costi e dalla sua continua corsa a farsi paladino dell’accoglienza per strappare un posto alla sinistra di Bonaccini”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo!, il movimento di Giovanni Toti. “E se a questo aggiungiamo le politiche di accoglienza a tutti i costi portate avanti dai precedenti governi Pd il quadro è completo – prosegue – . E che non ci vengano a dire che si tratta di percezioni o di episodi isolati perchè purtroppo da tempo il centro storico è teatro di episodi di criminalità. A Pizzarotti però non importa e continua la sua battaglia ideologica contro il decreto sicurezza, dimenticandosi che il suo lavoro è quello di amministrare la città e di fare in modo che i parmigiani vivano nel miglior modo possibile. Ma ormai senza dare risposte vere alla città e con una evidente incapacità di amministrare preferisce dedicarsi alle querele. Noi invece guardiamo al concreto e a come risolvere il problema e riteniamo che non si debba fare altro che arrestare i responsabili della rissa e assicurarsi che scontino la pena in carcere fino all’ultimo giorno. E se ci cittadini stranieri vanno rimpatriati subito.