Regionali Emilia Romagna, Gambarini (Cambiamo!): “Messo il primo mattoncino per una nuova casa dei moderati”

Francesca Gambarini

“L’Emilia Romagna ha scelto Bonaccini. Ne prendiamo atto perchè il popolo è sovrano. Dall’analisi dei dati emerge che in diverse province tra cui Parma il centrodestra supera il 50%, fatto questo estremamente positivo e che lascia ben sperare”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, esponente di Cambiamo!. “Resta l’amarezza della consapevolezza che questo sistema tesserà ancora la sua rete, ma, per quanto mi riguarda, lasciatemi dire che per noi questo è l’inizio di qualcosa di nuovo – prosegue – . Aver raccolto queste preferenze (che rappresentano il 20% dei voti totali della lista in tutta la Regione) sotto un simbolo sconosciuto con un movimento nato poche settimane fa è un grandissimo risultato. Dimostra che ci siamo e che le persone contano più dei simboli. Credo che quello che è stato fatto sia un piccolo miracolo soprattutto se ci confrontato al risultato dei candidati moderati della Regione, inseriti in liste più strutturate. Pochissimi hanno raggiunto questo numero di preferenze. A maggior ragione il nostro risultato diventa ancora più importante. Correre sono un simbolo totalmente nuovo è stata impresa ardua ma con impegno e passione siamo riusciti ad ottenere un grande risultato in termini di preferenze. Questo significa che serve costruire una nuova casa per i moderati e per i riformisti. Noi ne saremo protagonisti. Con il voto di ieri abbiamo messo un primo mattoncino: sarà un percorso lungo ma i dati ci dicono che ci siamo e dobbiamo dire la nostra. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno scritto il mio nome a fianco di un simbolo nuovo, tutti coloro che mi sono a fianco in questa campagna elettorale e i candidati della lista Arnaldo Morsia, Jacopo Rosa, Francesco Rutelli e Leila Zanichelli. Senza di voi niente sarebbe stato possibile”.