Nuova Questura di Parma: un’altra occasione persa

E così l’amministrazione comunale cittadina, revocando un protocollo d’intesa del 2009, decide di rinunciare alla realizzazione della nuova Questura accampando la solita litania della difficile congiuntura economica. L’accordo faticosamente raggiunto con il Ministero dell’Interno, Agenzia del Demanio e Provveditorato alle Opere Pubbliche dell’Emilia Romagna, prevedeva la realizzazione di un nuovo ed efficiente palazzo sede della Questura nell’area dell’ex scalo merci in viale Fratti, su progetto del Provveditorato alle opere pubbliche e gestione come stazione appaltante da parte del Comune di Parma. Il tutto risultava particolarmente interessante poichè a costo zero, grazie ad un sistema di permute, la dotazione cittadina di strutture adibite al controllo del territorio, enormemente più funzionale dal punto di vista logistico dell’attuale sede, avrebbe apportato un indubbio beneficio alla sicurezza dell’intero territorio. Già nel 2012 l’allora Commissario Ciclosi aveva espresso l’intenzione di rinunciare a tale intervento. Ma se possiamo capire l’intento minimale e liquidatorio di un commissario, non comprendiamo l’atteggiamento rinunciatario e pavido da parte di una amministrazione comunale che dovrebbe con coraggio esprimere una pur minima intraprendenza nell’affrontare le inevitabili difficoltà che si accompagnano ad una realizzazione del genere.  Anche questa è l’ennesima dimostrazione che per questa amministrazione il tema e le implicazioni ruotanti attorno alla sicurezza pubblica non siano una priorità, ed anche questa mancata realizzazione inseriamo nell’elenco dei treni persi.
Paolo Buzzi, Forza Italia Parma
Francesca Gambarini, Forza Italia Fidenza