Fidenza, Forza Italia: “Potenziare al più presto l’illuminazione nel piazzale della Stazione”

FIDENZA, 20 ott. – “Depositeremo un’interrogazione per sollecitare il Comune ad attivarsi il prima possibile per potenziare l’illuminazione in piazza Repubblica e nelle aree limitrofe”. Lo annuncia in una nota il gruppo consiliare di Forza Italia, formato da Francesca Gambarini, Giuseppe Comerci e Silvia Barbieri.”Piazza Repubblica, piazza Ponzi e tutte gli spazi adiacenti alle due torri sono scarsamente illuminate. Il buio favorisce bivacchi e altre situazioni di scarsa sicurezza e scarso decoro. E’ ben noto a tutti che in piazza Ponzi e in tutti gli spazi vicini alle torri si radunano spesso e volentieri gruppi di ragazzini, che, di sera e di notte, trascorrono i loro tempo in bivacchi di vario tipo. Più volte abbiamo sottolineato la necessità di maggiori controlli in questa zona, come anche di un potenziamento della videosorveglianza. Insieme a questo è necessario al più presto potenziare l’illuminazione in piazza Repubblica (in particolare nella zona adiacente le torri) e anche in piazza Ponzi. Si tratta di aree che si presentano, quando è buio, scarsamente illuminate, favorendo così l’azione dei malintenzionati. Parliamo, in tanti casi di gruppi di ragazzini, probabilmente il sapere di non essere più protetti dal buio, potrebbe farli desistere dal trascorrere il loro tempo in bivacchi notturni. Si tratta di un intervento che a nostro dire non è più rinviabile, anche perchè stiamo parlando di una zona attraversata ogni giorno da tantissime persone. Depositeremo quindi un’interrogazione per sollecitare il Comune ad attivarsi il prima possibile per potenziare l’illuminazione in piazza Repubblica e in tutte le zone circostanti”.

Forza Italia: “Istituire un presidio fisso delle forze dell’ordine all’ospedale di Vaio”

FIDENZA, 16 ott. –  “Istituire un presidio fisso delle forze dell’ordine all’ospedale di Vaio”. A proporlo è il gruppo consiliare di Forza Italia in una nota stampa a firma dei consiglieri Francesca Gambarini, Giuseppe Comerci e Silvia Barbieri. “Perfino l’ospedale di Vaio è stato colpito dai ladri, che non si fanno scrupoli nemmeno davanti alla malattia – si legge – . E, infatti, si sono portati via attrezzature per oltre 300 mila euro dagli ambulatori della Gastroenterologia. Si tratta di un fatto gravissimo e tutti ci stiamo chiedendo come sia stato possibile che i malviventi siano riusciti a entrare e uscire dal reparto indisturbati. Le misure di sicurezza predisposte dall’Azienda Usl, a quanto pare, non bastano e vanno potenziate, a partire dalla videosorveglianza e dai sistemi dall’allarme. Fondamentale è, però, agire per aumentare la presenza delle forza dell’ordine, che ringraziamo per quanto già fanno. L’ospedale è un luogo dove passano migliaia di persone ogni giorno e dove si salvano vite umane: deve essere sicuro. Deve esserci un presidio fisso delle forza dell’ordine. Alcuni anni fa Forza Italia aveva presentato una mozione (approvata all’unanimità) per chiedere l’istituzione di un posto di polizia all’ospedale. Ripresenteremo la proposta: chiederemo che il Comune da subito predisponga un presidio fisso della Polizia municipale e attivi per avere al più presto una presenza stabile a Vaio dei Carabinieri o della Polizia di Stato. Speriamo che l’amministrazione sostenga le nostre proposte di buon senso e si muova per dare più sicurezza ai fidentini e a tutti gli utenti e a tutti i lavoratori dell’ospedale di Vaio”.
Ufficio stampa

3 maggio 2018: Consiglio comunale sulla sanità

Intervento del gruppo consiliare di Forza Italia

La sanità pubblica e universalistica, come il sistema di welfare, sono da sempre considerati il fiore all’occhiello della sinistra in Emilia Romagna e quindi anche a Fidenza.

Ma oggi possiamo dire che sia ancora così?

Sig. Sindaco, Lei che é la prima Autorità sanitaria della città, potrebbe giurare che tutto funzioni come e meglio di prima?

Se vogliamo una risposta, che non abbia il sapore della propaganda, basta parlare con i cittadini che hanno usufruito recentemente dei nostri servizi sociosanitari. O magari farsi un giro a Vaio per sentire gli umori di chi sta in coda presso i vari ambulatori o scambiare qualche parola direttamente con gli stessi operatori dei servizi.

Per dire che le cose vanno bene, non è sufficiente inaugurare in pompa magna un cantiere per ampliare spazi che erano già stretti quando l’ ospedale fu aperto. Bisogna piuttosto preoccuparsi della qualità, dell’ efficienza e della tempestività delle risposte sanitarie a favore dei cittadini bisognosi di cure.

Accedere al pronto soccorso sta diventando una specie di Odissea: sai quando entri, ma poi devi dimenticarti dell’ orologio perché per una risposta può trascorrere un’intera giornata. Assenza totale di certezza sui tempi. Una volta svolto il triage, se non si tratta di codice rosso, vige l’assoluta indeterminatezza, nessuno ti dà informazioni: diventi un numero e basta!

Se per avventura devi accedere la notte e magari in un giorno festivo, la situazione è ancora più critica.

Evidentemente c’è una carenza di personale mai affrontata o un’ organizzazione del servizio non efficace o forse ci sono tutte le due cose insieme.

É evidente che il pronto soccorso è il primo accesso alla richiesta di cure. Siamo convinti che il poco personale che c’è stia facendo il massimo. Tuttavia da tempo chiediamo di affrontare questo problema, ma nulla è stato ancora risolto. Sig. Sindaco, faccia qualcosa perché così non si può andare avanti!!

E se mancano le risorse per assumere il personale che serve, faccia finalmente sentire la sua voce al tavolo dell’ Asl o con l’assessore regionale del suo partito. Ci dimostri nei fatti che in questa città non si vive solo di “grandiose” rotonde, ma che i diritti sociali delle persone vengono molto ma molto prima!!

Altra situazione ipercritica é quella delle liste d’attesa per esami e interventi. Sappiamo di cittadini che per una protesi ortopedica restano in lista per oltre un anno. Circa la diagnostica molte, troppe persone, sono costrette a rivolgersi ai poliambulatori privati, spesso a pagamento, per avere risposta in tempi rapidi. Possiamo avere finalmente i dati reali, disciplina per disciplina, dei tempi d’ attesa in corso? Vogliamo fare un’ operazione verità per sapere dove stanno i problemi e trovare qualche utile soluzione, che dia nuova credibilità al servizio sanitario pubblico? Oppure facciamo finta di niente e a questo punto, sig. Sindaco, abbia il coraggio di dire che il modello della nostra regione non è più adatto ai tempi e che quello lombardo magari é migliore. Cosa ne pensa in proposito? E che strada pensa di prendere?

In questi anni il nostro ospedale ha perso per strada molti seri e stimati professionisti. Alcuni storici primari sono andati in pensione, altri ci andranno a breve, altri ancora sono andati verso strutture più importanti. Quando da una squadra se ne vanno i migliori giocatori, il rischio è quello di retrocedere in classifica. In tutto questo tempo che tipo di programmazione é stata prevista per sostituire gli uscenti e mantenere un livello di professionalità accettabile?

A me pare ,sig sindaco, che questa sia stata una sua gravissima dimenticanza, di cui i fidentini pagheranno nel tempo un caro prezzo. Non occuparsi del futuro dell’ ospedale e dei suoi reparti, significa perdere importanza e qualità. Il problema non è sapere il nome di un primario che ne sostituisce un altro, qui nessuno vuole lottizzare le nomine, il problema è sapere se chi arriva ha le credenziali per non fare scadere il livello di assistenza e cura.

Questo consiglio comunale può essere messo al corrente dei tempi e modi circa le nomine dei primari e dei direttori responsabili dei dipartimenti?

A proposito: l’ ultima nomina riguarda la neurologia. È durata lo spazio di un mattino. Cosa è successo? Perché chi ha vinto il concorso se ne è già andato? E adesso che succede?

L’ impressione sig.Sindaco è quella che Fidenza durante il suo mandato abbia perso peso politico nei tavoli di programmazione. Così Parma ci ha portato via molte professionalità e noi stiamo diventando una succursale dell’ Ospedale Maggiore. Per alcuni campi mi viene da dire che persino l’ ospedale di Borgotaro venga prima di Vaio! Forza Sindaco, dia una prova d’ orgoglio. Se per tutto questo tempo ci ha dormito sopra, ora è arrivato il momento della sveglia, prima che sia troppo tardi.

Infine due parole sul distretto socio sanitario. A tutt’oggi manca la nomina del nuovo direttore. Mi risulta che il comune di Fidenza, in qualità di presidente del comitato, non abbia ancora saputo trovare una sintesi con gli altri comuni. È un serio problema politico-amministrativo. In questi anni, credo per responsabilità dell’assessore Frangipane, sono mancati il dialogo e la collegialità tra i comuni del Distretto. Cara assessore, non si può agire sempre d’ imperio, il distretto funziona se ci sono il confronto e la solidarietà fra i soci. Faccia una volta tanto uno sforzo l’umiltà e ascolti anche le ragioni degli altri. In tutti i modi il Distretto non può restare un minuto di più in questa indeterminatezza.

Asp:

Da anni stiamo aspettando un piano “industriale” dell’azienda servizi alla persona.Ormai anche il mandato del presidente Franzoni volge al termine e nessuna idea sulla programmazione futura é stata portata all’ attenzione di questa assemblea. Dite qualcosa e non tenete sempre tutto nel chiuso di un cassetto! Le politiche per gli anziani, le fragilità sociali, il disagio giovanile: questioni che non possono aspettare ed esigono risposte concrete e non i soliti convegni!!

Come vede Sig. Sindaco, dopo quasi 5 anni di mandato, la sua pagella nelle materie di sanità e sociale è gravemente insufficiente. Non sta a me darle il voto preciso, lo faranno gli elettori fra un anno alle prossime elezioni comunali. Può essere che per lei questi siano argomenti indigesti che non ama particolarmente. Ma fare il sindaco significa farsi carico di tutte le problematiche, soprattutto quelle che riguardano i bisogni fondamentali delle persone. E se in questi anni ha delegato il tutto all’ assessora Frangipane, bisognerà prendere atto che non è stata all’altezza dei compiti affidati.

Avendo lei di fatto recentemente licenziato l’assessore Bonatti, forse avrebbe fatto meglio ad interrogarsi sull’ operato della Frangipane.

Pazienza, anche questa è tutta responsabilità sua.

Però una cosa deve essere chiara: Vaio, la sanità e il sociale non possono essere lasciati all’ ultimo posto della sua agenda.

Faccia qualcosa, guardi lo dico io che sono di destra: sindaco faccia qualcosa, faccia qualcosa di sinistra!!!

Forza Italia: “Più sicurezza per il cimitero di Fidenza”

Al Sindaco

All’Assessore competente

Interrogazione urgente

 

Oggetto: sicurezza al cimitero urbano

 

PREMESSO CHE

  • La Gazzetta di Parma di sabato 22 agosto riporta la notizia di un bruttissimo episodio, ossia una lapide sparita al cimitero urbano;
  • Al cimitero urbano sono frequenti i vandalismi e i furti sulle tombe dei defunti;
  • Al cimitero urbano sono installate alcune telecamere di videosorveglianza;

CONSIDERATO CHE

  • I furti e i vandalismi sulle tombe dei defunti sono particolarmente deplorevoli, non per il danno economico, ma per il valore affettivo degli oggetti che vengono rubati o distrutti;

RITENUTO CHE

  • E’ necessario cercare di evitare il ripetersi di questi episodi;
  • L’amministrazione comunale potrebbe, ad esempio, impegnare i volontari dell’Associazione nazionale carabinieri, con la quale è stato stretto un accordo per il presidio del territorio, per un maggiore controllo del cimitero urbano;

SI INTERROGANO IL SINDACO E LA GIUNTA PER SAPERE

  • Se sono a conoscenza di quanto accaduto al cimitero urbano;
  • Se il sistema di videosorveglianza installato è funzionante e collegato alla centrale operativa della Polizia municipale;
  • Quali azioni ha intenzione di mettere in campo per contrastare i vandalismi al cimitero urbano, anche con il supporto della Polizia municipale o potenziando, ad esempio, la collaborazione in essere con l’Associazione carabinieri

Fidenza, 22 agosto 2015

Gruppo consiliare Forza Italia

 

Forza Italia: “Più pulizia nel centro storico di Fidenza”

Al Sindaco

All’Assessore competente

Interrogazione a risposta scritta

Oggetto: pulizia centro storico

 

PREMESSO CHE

  • Il decoro e la pulizia del centro storico di Fidenza sono uno dei biglietti da visita della nostra città. Dobbiamo, purtroppo, riscontrare che in diversi vicoli del centro storico ma anche nelle vie principali spesso la pulizia lascia a desiderare;

CONSIDERATO CHE

  • Tantissimi fidentini ci hanno segnalato la presenza di sporcizia ed escrementi di cani e forte odore di urina (forse non solo dei cani) nei vicoli del centro di Fidenza e la presenza di gruppi di ragazzi che sembrano fumare spinelli;
  • Il problema della pulizia della strada ci è segnalato anche in riferimento a vie centrali quali via Berenini;
  • Sempre secondo quanto segnalatoci, gli addetti alla pulizia delle strade avrebbero detto ai residenti di non avere disposizioni per pulire escrementi e urina;

SI INTERROGANO IL SINDACO E LA GIUNTA PER SAPERE

  • Se l’amministrazione comunale è a conoscenza di questo problema;
  • Se corrisponde al vero quanto segnalatoci dai residenti;
  • A chi è affidato il compito della pulizia delle strade e quali termini prevede l’accordo;
  • Quali azioni intende mettere in campo l’amministrazione comunale per migliorare la pulizia e il decoro del centro storico di Fidenza.

Fidenza, 9 agosto 2015

Gruppo consiliare Forza Italia

 

 

 

 

Fidenza, Forza Italia: “Misure più stringenti contro l’accattonaggio”

 

                                                                             Al Sindaco

All’Assessore competente

 

Interrogazione a risposta scritta

 

 

Oggetto: sicurezza

 

PREMESSO CHE

 

  • Sempre più spesso i fidentini si lamentano e si sentono infastiditi da parcheggiatori abusivi e persone che chiedono elemosina davanti ai supermercati e lungo le strade;

 

CONSIDERATO CHE

 

  • Fra le tante promessi elettorali fatte dal sindaco in campagna elettorale, c’era anche quella di una maggior sicurezza: “Fidenza riparte da una città più sicura”;
  • La sicurezza percepita dai fidentini è sempre minore;
  • Il numero dei parcheggiatori abusivi e delle persone che chiedono l’elemosina, soprattutto davanti ai supermercati, continua ad aumentare;

 

RITENUTO CHE

 

  • In accordo con la Polizia municipale, l’amministrazione comunale potrebbe elaborare misure più stringenti contro l’accattonaggio, i parcheggiatori abusivi e il nomadismo. Ad esempio: vietare l’accattonaggio, aumentare i controlli nei parcheggi e davanti ai supermercati, dare alla polizia la possibilità di sgomberare eventuali accampamenti di nomadi senza attendere i tempi burocratici di un’ordinanza sindacale;

 

SI INTERROGANO IL SINDACO E LA GIUNTA PER SAPERE SE

 

  • Sono a conoscenza dei fenomeni sopra segnalati e, se sì, come hanno intenzioni di contrastarli;

 

Fidenza, 17 agosto 2015

Gruppo consiliare Forza Italia

 

 

Interrogazione: festa fine Ramadan

PREMESSO CHE

  • Alcuni giorni fa il Palasport di Fidenza, sito in via Togliatti, ha ospitato la festa di fine ramadan, alla quale hanno partecipato numerose persone

CONSIDERATO CHE

  • Diversi residenti della zona si sono lamentati per il troppo rumore proveniente dalla festa

SI INTERROGA IL SINDACO E LA GIUNTA PER SAPERE

  • Da chi è stata organizzata la festa e quante persone hanno partecipato
  • Se è stato pagato l’utilizzo del palasport e, se si, quanto è stato pagato
  • Se esiste una convenzione fra chi ha organizzato l’evento, Fidenza sport e il Comune di Fidenza e, se si, cosa prevede

Fidenza, 14 luglio 2015

Gruppo consiliare Forza Italia

Mozione: concessione di un visto umanitario ai profughi

Al Sindaco
Al Presidente del Consiglio comunale
A tutti i consiglieri comunali

Mozione : Per i profughi permesso umanitario temporaneo di libera circolazione in Europa, no all’accoglienza in strutture pubbliche, creazione di un fondo per i rimpatri

PREMESSO CHE
– L’afflusso di immigrati nel nostro Paese è senza precedenti e che la condizione incessante di emergenza dimostra una totale incapacità di gestione politica del fenomeno;

CONSIDERATO CHE
– Il Ministero dell’Interno, in accordo con le Prefetture, ha programmato per la Regione Emilia Romagna il trasferimento di migliaia di immigrati, molti dei quali senza alcun diritto d’asilo;
– La diplomazia internazionale e l’Unione Europea hanno il dovere di individuare ed applicare soluzioni e metodi di corresponsabilità;

TENUTO CONTO CHE
– Per coloro che ormai sono già stati accompagnati in Italia la legge nazionale impone l’accoglienza ma, così come è ora strutturata crea una situazione non sostenibile perché i tempi burocratici di accertamento e di riconoscimento sono troppo lunghi;
– Lo sforzo economico richiesto è incompatibile con la congiuntura economica e con le situazioni di disagio che molti cittadini italiani stanno vivendo;

IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

A trasmettere alla Regione Emilia Romagna le seguenti richieste :
– Concessione ai profughi di un permesso umanitario per la libera circolazione in Europa, così che tutti gli Stati membri (e non solo l’Italia) debbano farsi carico dell’emergenza. Per il rilascio del documento non serve l’assenso dell’Unione europea; può essere concesso unilateralmente dal Governo italiano;

– Visto l’azzeramento del fondo rimpatri deciso dall’attuale Governo, si chiede predisposizione di adeguato fondo risorse europeo/statale;
– Diniego di impiego di strutture di enti comunali, provinciali o regionali per l’accoglienza. Riqualificarle invece per altri scopi inerenti le nostre comunità, in quanto la “questione profughi” va affrontata in modo coordinato e centralizzato a livello nazionale con l’impiego di strutture statali, che però non devono generare degrado e insicurezza nelle strutture che le ospitano
– Attivazione di lavori socialmente utili gratuiti per i profughi, in convenzione con i Comuni

Fidenza, 1 luglio 2015

Il gruppo consiliare di Forza Italia

La segnaletica stradale a Fidenza

Al Sindaco
All’Assessore competente

Interrogazione a risposta scritta

Premesso che
– Alcuni cittadini ci hanno segnalato errori ed incongruenze nella segnaletica stradale fidentina: 1) il cartello, sito nella rotonda fra via Gramizzi e via Piave che indica la scuola dell’infanzia Rodari riporta la dicitura errata “scuola primaria” 2) a Vaio si trova il cartello con l’indicazione del centro abitato di Fidenza (e quindi del limite di velocità di 50 km/h ma dopo pochi metri la velocità consentita diventa di 70 km/h 3) nell’area verde di via Mascagni si trova un cartello che indica che si può entrare con i cani, ma dopo soli 7 metri se ne trova un altro che indica il divieto d’accesso per i cani;
– Nella stessa area verde di via Mascagni si trovano piantumazioni secche e in parte
piegate;

Ritenuto che
– La segnaletica stradale deve essere chiara e precisa. Cartelli sbagliati, oltre a mettere in difficoltà i cittadini, sono uno spreco di denaro pubblico

Si inter

roga il Sindaco e la Giunta per sapere

– Se si intendono mettere a posto le incongruenze nella segnaletica sopraelencate;
– Quanto sono costati questi segnali stradali;
– Perché non si è provveduto alla manutenzione delle piantumazioni dell’area verde di via
Mascagni e quanto sono costate queste piante ora secche.

Fidenza, 19 giugno 2015

Il gruppo consiliare Forza Italia

20150621_111510
rotonda via Piave, via Gramizzi

20150621_110714
parco via Mascagni

#unannodiMassari: più tasse e meno sicurezza

Pubblico l’articolo di Annarita Cacciamani uscito sulla Gazzetta di Parma, dedicato alla nostra iniziativa #unannodiMassari

«L’amministrazione Massari ha deluso. In un anno non ha fatto nulla, se non aumentare le tasse». Ad un anno delle elezioni, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Identità e Valori sabato mattina hanno allestito un banchetto in piazza Garibaldi. Tema: «#unannodiMassari». Per l’occasione le consigliere comunali di Forza Italia Francesca Gambarini e Silvia Barbieri hanno tenuto una conferenza stampa insieme a Domenico Muollo (Fdi) e Lina Callegari (Identità Valori). «Massari è stato eletto con grandi aspettative e tante promesse. Penso sia evidente che non ne abbia mantenuta nemmeno una: le tasse sono aumentate, le tariffe anche. Aveva promesso più sicurezza e invece sono aumentati i furti e i vandalismi – ha dichiarato la Gambarini, sfidante di Massari al ballottaggio – . A distanza di un anno, i fidentini possono chiaramente vedere che le promesse del sindaco sono aria fritta. E’ la riproposizione di quello che è stato fatto fino al 2009 con la differenza che ora siamo in piena crisi economica. Fidenza avrebbe bisogno di una strategia per il futuro: manca un progetto di città». La coalizione di centrodestra in Consiglio comunale è rappresentata dal gruppo di Forza Italia,formato da Francesca Gambarini, Giuseppe Comerci e Silvia Barbieri: «In questo anno, insieme anche alle altre opposizioni, abbiamo cercato di fare proposte di buon senso, come i voucher per i disoccupati o l’esenzione Tari per le nuove imprese. La maggioranza Pd, purtroppo, ha bocciato tutto a prescindere». Simile il giudizio di Callegari e Muollo. Per la prima: «Abbiamo sentito tanti slogan e tante promesse ma nessuna è stata mantenuta. Anzi, le tasse e le tariffe sono aumentate e non si capisce quale sia il progetto di città». Per il secondo: «Come il suo leader nazionale Renzi, Massari propina solo slogan che non trovano riscontro nella realtà».