Terre Verdiane, Gambarini (FI): “Approfondire i tanti episodi segnalati e legati alla vicecomandante”

Apprendo dalla stampa del rinvio a giudizio dell’ex vicecomandante della Polizia municipale delle Terre Verdiane, Isabella Pontremoli, con l’accusa di truffa. Secondo quanto contestato dalla Procura, non avrebbe timbrato correttamente il cartellino, risultando in servizio anche quando sarebbe stata assente. Si tratta di fatti (se confermati) molto gravi, soprattutto alla luce dell’importantissimo ruolo che la persona indagata ricopriva, quello di vicecomandante della Polizia municipale delle Terre Verdiane. Fermo restando che si è innocenti fino al terzo grado di giudizio, vorrei ricordare come in questi anni io abbia più volte portato all’attenzione del Presidente dell’Unione Terre Verdiane e del Comandante del corpo di Polizia municipale attraverso interrogazioni e lettere protocollate diverse situazioni meritevoli di approfondimento legate alla vicecomandante, che ora veniamo a sapere rinviata a giudizio per altre vicende. Rispondendo alla mie interrogazioni, il presidente delle Terre Verdiane Massari ha sempre difeso a spada tratta la vicecomandante. Il tutto quando, stando a quanto riportato dalla stampa locale, era probabilmente già in corso l’indagine che ha portato al rinvio a giudizio della vicecomandante. Alla luce di quanto leggiamo oggi forse le mie segnalazioni (nate dall’ascolto e dal dialogo con i cittadini, di cui mi sono fatta portavoce) non erano così campate per aria. Mi auguro che tutte le situazioni da me segnalate vengano oggi approfondite. Detto questo, sarà il processo a chiarire le cose e a quantificare l’eventuale danno da risarcire all’Unione Terre Verdiane.

Francesca Gambarini
Capogruppo Forza Italia