Sempre vicini all’Arma dei Carabinieri

Anche la capogruppo di Forza Italia Francesca Gambarini esprime solidarietà a Claudio Rubertà. <Ho appreso con tristezza la notizia di quanto accaduto e desidero esprimere solidarietà e vicinanza all’Arma dei Carabinieri, a Claudio Rubertà, che ha prestato il suo servizio anche sul nostro territorio, alla sua famiglia e alle famiglie di tutti i militari feriti mentre facevano il loro dovere, a servizio della comunità. Li ringrazio per il loro prezioso lavoro e il loro impegno per la tutela e la sicurezza di tutti noi. Non dovrebbero pagare un prezzo così alto per la loro dedizione>.

Gambarini: le scelte di Massari portano ad una tassazione elevatissima

“Da anni lItalia attraversa un periodo di crisi. Tante famiglie fidentine fanno fatica ad arrivare a fine mese e diversi nostri imprenditori affrontano tante difficoltà per mandare avanti le aziende e garantire lo stipendio ai dipendenti. In questo contesto lamministrazione Massari continua ad aumentare le tasse e a vessare i cittadini”. Così Francesca Gambarini, capogruppo di Forza Italia a Fidenza,commenta le aliquote Imu e Tasi e il regolamento Iuc predisposti dall’amministrazione comunale fidentina. “Sembra che in Municipio nessuno si sia reso conto della situazione di crisi. L’amministrazione Massari continua ad aumentare le tasse e a vessare i cittadini, senza riuscire ad amministrare efficacemente Fidenza: siamo arrivati a settembre e del bilancio preventivo 2014 non c’è ancora nemmeno l’ombra. La tassazione è elevatissima e a fronte di questo, cosa ricevono in cambio i cittadini di Fidenza? Nulla: nessun servizio efficiente, una pessima gestione dellambiente in una città senza manutenzione del verde, in cui solo da poco si sono ripresi i lavori, che ha perso tanti servizi e con un sindaco part-time ed alcuni assessori sconosciuti a tutti. Le aliquote volute dal sindaco costringeranno i fidentini a dover affrontare un esborso notevole. Massari scarica le colpe sullamministrazione precedente avrà trovato sicuramente una situazione di bilancio difficile ma poteva fare scelte diverse”

 

Cosa succede al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Vaio?

INTERROGAZIONE AD OGGETTO: Pronto Soccorso Ospedale di Vaio

 Premesso che

-da quanto si apprende, l’Unità di Pronto Soccorso dell’Ospedale di Vaio risulterebbe sottorganico di personale qualificato, medico ed infermieristico, con conseguenti importanti disagi che coinvolgerebbero sia i pazienti sia i dipendenti della struttura sanitaria stessa;

-le problematiche che sarebbero state riscontrate presso l’Ospedale di Vaio comprenderebbero:

  • Spazi e locali inadeguati per il bacino d’utenza,
  • La necessità di avere 2 medici di Pronto Soccorso strutturati, in quanto al momento risulterebbe un medico di Pronto Soccorso ed un medico del 118,
  • Il medico operante presso il servizio del 118, a quanto risulta, deve svolgere attività sia sul territorio che in struttura creando ulteriori disagi e file d’attesa nel pronto soccorso;

 Considerato che

-il triage di un Pronto Soccorso deve essere attivo 24 ore al giorno superati i 25.000 accessi annui, ma nonostante siano già diversi anni che questi accessi minimi vengono superati (grazie anche al ridimensionamento dell’Ospedale di Fiorenzuola d’Arda ed alla chiusura di alcune Unità Operative) attualmente risulterebbe attivo solo fino alla mezzanotte causa mancanza di personale infermieristico;

-sempre all’interno del Pronto Soccorso mancherebbe un posto di Polizia a garantire la sicurezza pubblica e del personale della stessa struttura sanitaria (aggressioni verbali e a volte anche fisiche, purtroppo, si registrano quotidianamente); ricordiamo che nel settembre del 2004 il Consiglio comunale di Fidenza ha votato all’unanimità una mozione sulla Sicurezza che includeva inserimento di un presidio di Polizia all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Vaio;

-a quanto si apprende esisterebbero già sia il progetto per un ampliamento del Pronto Soccorso, sia i fondi necessari per la sua realizzazione.

Si interroga il Sindaco e la Giunta per sapere:

-se tutto ciò premesso risulta al vero e in caso affermativo se la Giunta ha già in programma interventi propositivi e finalmente risolutivi;

-se effettivamente esiste un progetto per un nuovo Pronto Soccorso e la sua copertura finanziaria e, se così fosse, quali siano i motivi che bloccano il medesimo progetto costringendo, in tal modo, il personale dell’Ospedale a lavorare in condizioni non adeguate e creando non pochi disagi anche ai pazienti che si recano al Pronto Soccorso senza poter avere gli interventi medico-sanitari di cui necessitano in tempi idonei.

 

Gambarini: si al Giudice di Pace a Fidenza

Leggo oggi sulla stampa la notizia della possibilità di riportare l’ufficio del Giudice di Pace a Fidenza ; non posso quindi che sostenere con forza  la tesi del Consigliere Poggi Longostrevi secondo il quale occorre inoltrare un’istanza al ministero della Giustizia. Fidenza ha gia perso diversi servizi e , come da noi sostenuto più volte in passato, quello del Tribunale era e resta un motivo per far sentire la propria voce :  Fidenza, capofila del distretto, eserciti la sua funzione all’interno dell’Unione Terre Verdiane per il mantenimento dell’Ufficio necessario ad un territorio non adeguatamente considerato.  Auspico quindi che entro il 13 settembre si chieda ufficialmente al ministero la riapertura

Generale Dalla Chiesa: il suo sacrificio per la libertà e la giustizia non sia dimenticato, ma esempio per tutti

XXXII ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL GENERALE DALLA CHIESA. GAMBARINI (FI): LA MIA VICINANZA ALLA FAMIGLIA DEL GENERALE, AI CARI DELL’AGENTE DI SCORTA ED ALL’INTERA ARMA DEI CARABINBIERI.

Sono passati ormai 32 anni da quel terribile 3 settembre 1982 quando persero la vita il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo durante un agguato mafioso ordinato da Cosa Nostra.

Con l’uccisione del Generale Dalla Chiesa e di coloro che lo accompagnavano in quella tragica sera del 3 settembre 1982 a Palermo, fu inferto un grave colpo a tutta l’Italia perché fu colpita una persona che si era particolarmente distinta per senso del dovere e dello stato nel corso di una lunga difficile e brillante carriera contro la criminalità di vario genere, era entrato nell’Arma dei carabinieri nel 1942 partecipando, dopo l’8 settembre, alla Resistenza e si era impegnato in particolare nella lotta al terrorismo e alla mafia. Fu proprio nel 1982 che venne nominato prefetto di Palermo per cercare di replicare contro Cosa Nostra il successo già ottenuto nella lotta alle Br. Il suo sacrificio per la libertà e la giustizia non deve essere dimenticato ed anzi la sua straordinaria dedizione alle istituzioni deve essere portata ad esempio per le giovani generazioni”. E’ quanto ha affermato Francesca Gambarini, Capogruppo di Forza Italia del Comune di Fidenza.

Comerci: stato di insicurezza dei nostro cimiteri

Premesso che

-è ormai noto lo stato di insicurezza dei nostri cimiteri, compreso quello urbano;

-continuano ad esserci furti di fiori, lumini a lampadina e di oggetti posti davanti a loculi dei defunti;

-capita anche che vengano forzate le serrature di auto o rotti i cristalli delle stesse davanti ai cimiteri frazionali (ad esempio Castione Marchesi) ;

Considerato che

 -troviamo disdicevole che si continuino a commettere gesti ignobili come quelli citati e accaduti anche negli ultimi giorni che provocano nuovo dolore

-che la situazione di degrado dei cimiteri frazionali e del cimitero urbano è nota da molto tempo (vedi anche i cimiteri di Bastelli dove troviamo recinzioni e di Fornio)

Si interroga il Sindaco e la Giunta per sapere:

-quali azioni sono in programma per porre rimedio alle situazioni di insicurezza e di degrado sopra citate

OGGETTO: situazione SOPRIP Spa quale attuatore e gestore APEA MARCONI – Riqualificazione post-bonifica

Premesso che

-con decreto 468/2001 del Ministro dell’Ambiente Altero Matteoli (II Governo Berlusconi) le aree del Podere Loghetto, Ex Cip e Carbochimica sono state inserite nell’elenco dei siti inquinati di interesse nazionale (SIN);

-l’iter burocratico successivo all’inserimento ha consentito che il SIN di Fidenza fosse considerato tra i prioritari per gli interventi di bonifica e ripristino;

Considerato che

-nell’anno 2008 l’accordo di programma quadro prevedeva oltre alla definizione della bonifica la riqualificazione del sito per fini produttivi (attività ad alta valenza tecnologica, logistica industriale, ecc..);

-con atti dell’amministrazione comunale nell’anno 2008 le aree in questione venivano individuate quali aree produttive ecologicamente attrezzate (APEA) ed inserite nel relativo programma regionale;

-da programma regionale il soggetto proponente veniva individuato nella società mista SOPRIP Spa della quale lo stesso Comune di Fidenza è socio e che successivamente tale società veniva individuata con atti convenzionali quale gestore unico dell’APEA;

-la SOPRIP Spa a fronte di un importante indebitamento di circa 28milioni di euro, come da ammissione del suo Presidente dimessosi Alessandro Cardinali (attuale Segretario Provinciale del PD) “la situazione finanziaria di SOPRIP Spa presenta criticità che impediscono di pagare regolarmente i fornitori e di rispettare i piani di rientro dal consistente debito bancario”, è stata inserita in una procedura concorsuale presso il Tribunale fallimentare di Parma;

-il piano concordatario prevede l’alienazione di tutti i beni e quindi la conseguente cessazione di SOPRIP Spa;

Si interroga il Sindaco e la Giunta per sapere:

-quali iniziative ha in atto o intende prendere l’amministrazione visto il ruolo sostanziale conferito a SOPRIP Spa (attuazione, gestione, marketing, rapporti con il consorzio,…) in APEA MARCONI (peraltro magnificato anche in convegni pubblici);

-se l’amministrazione ha valutato quali ripercussioni possa avere la procedura concorsuale aperta presso il Tribunale fallimentare di Parma sul Comune di Fidenza vista la sua partecipazione al 4,59% dell’azionariato di SOPRIP Spa.

 

 

Interrogazione ad oggetto: limiti assunzioni secondo legge

Premesso che:

a) Con determinazione 604del11/7/2014 è stato approvato avviso di selezione per il conferimento di incarico a tempo determinato di dirigente dei Servizi tecnici comunali ex art.110 tueel;

b) Con deliberazione nr 170/2014 PAR della Corte dei Conti Emilia Romagna Sezione Controlli depositata e rese disponibile il 7/7/2014 la Corte ha stabilito che il Comune di Fidenza debba procedere ad un riconteggio dei limiti assunzionali previsti dall’art. 1 comma 557 e 557 bis della legge 296/2006 e succ. mod. in quanto deve tenere conto della quota di personale ASP transitata da altri enti (USL) che di quella riferita alle assunzioni dirette nonché depurarla della quota che si riferisce ai dipendenti trasferiti dal Comune di Fidenza alla stessa ASP;

Considerato di dover verificare se alla luce di queste rettifiche il Comune potrà ancora assumere il Dirigente in parola ed alfine di evitare di dare corso alla procedura di selezione in assenza del processo di autorizzazione alla luce di questa modifica della quale si sarebbe dovuto già tener conto al momento dell’approvazione dell’avviso che è infatti successivo alla pubblicazione della succitata sentenza;

INTERROGA il Sindaco e la Giunta per:

-avere copia del conteggio del nuovo limite assunzionale adeguato a seguito della delibera della Corte dei Conti Emilia Romagna nr 170/2014 con allegato il parere del Collegio dei revisori dei Conti;

-sapere per quale motivo tale conteggio non viene evidenziato nella determinazione nr. 604/2014

-avere copia della valutazione rilevata nel sistema di controllo degli atti interno (se risulta conforme o meno visto che non tiene conto della delibera della Corte dei Conti ER nr 170/2014) e nel sistema qualità ISO 9001:2000

Il caso Marò in Consiglio comunale..

Premesso che Salvatore Girone e Massimiliano La Torre in servizio anti-pirateria a bordo della petroliera italiana Enrica Lexie, sono accusati di aver ucciso due pescatori indiani e in conseguenza di tale accusa si trovano in stato di arresto domiciliare, in India, presso l’ambasciata italiana, dopo due anni e mezzo dai fatti e dopo una lunga serie di rinvii processuali da parte delle autorità indiane;

Premesso che l’ennesima udienza è stata fissata per il prossimo mese di ottobre;

Considerato che la loro colpevolezza o innocenza deve essere stabilita da un Tribunale italiano infatti l’eventuale reato sarebbe stato commesso in acque internazionali, come appurato anche dalle autorità indiane, per cui in casi simili, in base ai trattati internazionali, diventa competente per eventuali iter processuali il paese rispondente alla bandiera che batte la nave;

Considerato che le autorità indiane si sono dimostrate a tutt’oggi insensibili alle varie richieste del Governo Italiano e che i nostri due Marò si trovano ancora in stato d’arresto;

Considerato che crediamo nell’innocenza di Salvatore Girone e Massimiliano La Torre e, in ogni caso , restiamo fermamente convinti che debbano essere processati in Italia;

Impegna il Consiglio comunale di Fidenza a conferire la cittadinanza onoraria della nostra città ai fucilieri di marina Salvatore Girone e Massimiliano La Torre, ingiustamente detenuti in India, per l’attaccamento dimostrato al tricolore anche in occasioni di palesi ingiustizie loro perpetrate e davanti ad alcune contraddizioni dei nostri Governi. Saremmo orgogliosi, così come siamo certi lo sarebbero tutti i fidentini, di poter annoverare tra i cittadini della nostra Fidenza i nostri due militari negati , in modo crudele e illegittimo per troppo tempo , alle loro famiglie ed ai loro affetti.

Gruppo Consiliare Forza Italia

Gambarini: più fatti e meno parole per il commercio

Pur con la comprensione che si deve a chi inizia una nuova esperienza, non possiamo non farci alcune domande rispetto all’ampia intervista rilasciata dal neo assessore Bonatti. Ci aspettavamo qualcosa di più concreto sul tema che è stato ampiamente dibattuto e su cui, io stessa, feci alcune precisazioni anche recentemente senza però ricevere nessuna risposta. A sentire Bonatti sembra che tutto vada bene e che il progetto partito tempo fa del Centro Commerciale naturale stia andando a gonfie vele. Auspichiamo tutti che questo avvenga nel più breve tempo possibile , ma attualmente ci sembra che il nostro centro storico con il commercio e le attività che lo dovrebbero sostenere siano lasciati a loro stessi. Cosa si intende davvero fare per rilanciare le attività? Quali iniziative sono in programma? La tanto auspicata collaborazione con il Fidenza Village si è incanalata su questioni concrete? A noi pare che l’Assessore stia parlando di una città diversa da quella che realmente purtroppo oggi è Fidenza!

Bonatti parla di semplificare e snellire i regolamenti. Gli ricordo che sono gli stessi regolamenti approvati dalle giunte di cui ha fatto parte il suo attuale sindaco purtuttavia, essendo il pentimento un sentimento cristiano, apprezziamo quanto ha detto lo stesso Massari in campagna elettorale e cioè che in 5 mesi avrebbe cancellato e semplificato la burocrazia comunale! Ricordiamo però che il tempo sta trascorrendo e non vi è ancora traccia di iniziative in questo senso!

Auspichiamo che l’Assessore si impegni a rendere più fruibile il centro, implementi una serie di agevolazioni fiscali e tariffarie, coinvolga in modo concreto e determinato i commercianti .

L’assessore ha perso anche un’occasione, vista l’ampiezza delle sue deleghe che vanno dalle attività produttive all’Europa, di prospettare qualche idea almeno a medio termine e in mancanza di queste almeno qualche annuncio in perfetto stile renziano!