Fidenza, Cambiamo! chiede chiarezza sui conti del Comune

Domani il Consiglio comunale dovrà votare l’assestamento di bilancio predisposto dall’amministrazione comunale con in testa il sindaco e assessore al Bilancio Massari. Ci chiediamo quale impatto avranno tutte i contenziosi che il Comune ha in corso sul bilancio in caso queste cause vengano perse. Il sindaco infatti mai si è degnato di dare informazioni su tutto ciò. Leggendo il parere dei revisori di conti su questo assestamento, veniamo a scoprire che il sindaco avrebbe secretato l’elenco delle cause in corso. Lo avrebbe secretato al consiglio comunale, alla città ed anche ai revisori dei conti, professionisti pagato per controllare il bilancio comunale. I revisori stavolta non hanno potuto svolgere il loro lavoro e lo hanno messo nero su bianco nel loro parere. Un fatto gravissimo. Ancora più grave è il tenere nascosto a tutti i fidentini quanti e quali contenziosi sono in corso e quali sono le cifre che si rischiano di dover pagare. Tutte queste cause vengono portate avanti coi soldi dei fidentini che dovrebbero sapere come vengono usati i loro soldi. La sinistra ha sempre ritenuti la cosa pubblica una proprietà privata, ma ora con Massari abbiamo davvero toccato il fondo. Ci aspettiamo in consiglio comunale voglia finalmente quella operazione trasparenza che tutti ci aspettiamo.
Giuseppe Comerci – Francesca GambariniCambiamo!

A Bologna Cambiamo! sostiene Fabio Battistini

Bologna, Gambarini (Cambiamo!): “Battistini l’uomo giusto per portare aria nuova in città”

Da sx: Francesca Gambarini, Fabio Battistini, Michele Laganà

“Cambiamo!, che da poco ha iniziato il nuovo percorso di Coraggio Italia, ha sostenuto da subito la candidatura a sindaco di Fabio Battistini, un bolognese, un imprenditore che ama la propria città e si è messo in gioco per lei. Siamo certi che Battistini, sostenuto da un centrodestra unito ed ampio, può essere la persona in grado di portare una ventata di aria fresca a Bologna, un’aria nuova non più viziata dalle incrostazioni di potere rosso. Noi saremo in campo al fianco di Battistini con le energie, le idee e le persone migliori per dare il nostro contributo in questa bellissima avventura che sta per cominciare. Questa è un’occasione unica per Bologna, che merita un’amministrazione capace e concreta sull’esempio di Giovanni Toti in Liguria e Luigi Brugnaro a Venezia”. Lo ha dichiarato Francesca Gambarini, coordinatore regionale di Cambiamo!, durante la conferenza stampa di presentazione del candidato a sindaco di Bologna per il centrodestra Fabio Battistini.

Nasce Coraggio Italia. Francesca Gambarini tra i fondatori

Il momento del coraggio. Il coraggio di cambiare. E’ iniziato ufficialmente ieri a Roma il percorso di Coraggio Italia, il nuovo progetto politico di Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, e Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia. Tra i fondatori c’è anche la fidentina Francesca Gambarini, coordinatrice regionale di Cambiamo! Emilia Romagna. Presenti anche il consigliere comunale di Fidenza Giuseppe Comerci e il consigliere di Busseto Nicolas Brigati.”Quando un paio di anni fa, insieme a Giovanni Toti, abbiamo iniziato a lavorare per costruire una nuova casa politica per i liberali e moderati, tanti ci hanno preso per pazzi. Oggi dimostriamo che non era così. Finalmente è nata una casa politica dove le idee, i progetti e le competenze sono al centro. Una casa politica dove conta e la squadra e non il singolo, dove tutti hanno spazio purchè abbiano voglia di lavorare, capacità e competenze – commenta Gambarini – . Non siamo qui per cercare una poltrona, siamo qui per rimboccarci le maniche e dare voce e risposte a chi è stanco di una politica urlata e apprezza la concretezza di uomini del fare come Toti e Brugnaro. Vogliamo costruire una grande squadra che possa mettersi al servizio del Paese per contribuire a cambiarlo e migliorarlo, attraverso progetti concreti che possano risolvere i problemi. Serve coraggio? Sì. E a noi non manca di certo!”.

Il sindaco di Parma Pizzarotti tra i meno graditi d’Italia

97esimo posto su 105. Il sindaco di Parma Pizzarotti, stando alla classifica de Il Sole 24 Ore, è tra i meno apprezzati d’Italia. La caduta libera del sindaco in questa classifica non è purtroppo che lo specchio del degrado e della difficoltà in cui il sig. Pizzarotti ha fatto cadere Parma. Certo, si tratta di un sondaggio ma, come ogni sondaggio, ha un fondo di verità e dà indicazioni da prendere in considerazione. Da questo sondaggio Pizzarotti deve trarre una sola grande conclusione: ha deluso i parmigiani e non ha mantenuto nessuna delle promesse fatte. Fortunatamente tra meno di un anno i parmigiani avranno l’opportunità di scegliere un nuovo sindaco e scrivere la parola fine all’epoca Pizzarotti.


Francesca Gambarini, coordinatore regionale Cambiamo!

Cambamo!: “La Ti-Bre deve essere presto completata”

Cambiamo! si unisce all’appello dei presidenti delle province di Parma, Cremona, Mantova e Verona per chiedere il completamento della Ti-Bre, una bretella di fondamentale importanza che proietterebbe Parma in una dimensione europea, garantendo finalmente un collegamento veloce con il Brennero e da qui con tutta l’Europa. Senza contare che la Ti-Bre metterebbe in collegamento diretto il Brennero con i porti di Spezia e Genova. E’ inutile elencare i vantaggi che ne avrebbero cittadini ed imprese. Chiediamo perciò anche noi che il Governo si impegni nel completare al più presto questa opera, che da sempre noi riteniamo fondamentale. Senza infrastrutture moderne ed efficienti non si va da nessuna parte, questo deve essere chiaro a tutti. Da ultimo apprendiamo con piacere che anche il Pd, attraverso il presidente della provincia Rossi, si è reso conto dell’importanza di quest’opera. Meglio tardi che mai!

Francesca Gambarini, coordinatore regionale Cambiamo!

Fidenza, Cambiamo!: “Chiarezza sulle indagini della Corte dei Conti”

Sono passati alcuni giorni da quando il postino ha bussato alla porta del Comune di Fidenza. Sembra che il postino sia stato mandato dalla procura della Corte dei Conti, che ha deciso di approfondire la vicenda del concorso da dirigente amministrativo e le innumerevoli sconfitte al Tar del Comune di Fidenza. Pare che la Corte dei Conti abbia deciso di valutare se c’è stato o meno un danno erariale. Ecco che quindi sarebbe spiegato il motivo delle “lettere” arrivate in Comune che quindi sarebbero inviti a dedurre inviati al sindaco Massari, alla giunta, al dirigente unico dei servizi tecnici e ad altri funzionari. Naturalmente sarà la Corte dei Conti a decidere se c’è stato o meno un danno erariale. Noi chiediamo al sindaco trasparenza e serietà: informi il consiglio comunale e la città di quanto sta accadendo e chiarisca la sua posizione e quella della sua giunta. Ben ricordiamo infatti che nonostante le sentenze del Tar il sindaco volle portare avanti la sua battaglia ad personam. Questo è il risultato. Chi amministra la cosa pubblica è dipendente dei cittadini e a loro deve rendere conto, soprattutto quando si parla di utilizzo di soldi pubblici. Da parte nostra ribadiamo un semplice concetto: se qualcuno ha sbagliato deve pagare di tasca propria.

Francesca Gambarini, coordinatore regionale Cambiamo!

Giuseppe Comerci, consigliere comunale Cambiamo!

“Cambiamo con Toti”, inaugurata a Piacenza la prima sede in Emilia-Romagna

Spezzano, Gambarini, Quagliarello, Gallini

da “Il Piacenza

“Cambiamo con Toti”, il movimento politico di centrodestra che si riconosce nell’attuale presidente della Regione Liguria, a breve diventerà “Coraggio Italia”, allargando la sua forza anche al civismo di Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia. Nel frattempo la prima sede del partito è stata individuata a Piacenza, in via Molineria San Giovanni, e inaugurata alla presenza del senatore Gaetano Quagliariello.

«Ci stiamo allargando – spiega il segretario provinciale Pierpaolo Gallini, ex assessore provinciale –, sempre nella tradizione liberale e cristiana. L’inaugurazione della sede del partito ne è un esempio lampante. Vogliamo rivolgerci a quel mondo del civismo che è una ricchezza e incanalare l’impegno in questa direzione». Francesca Gambarini, deputata di Fidenza, è la coordinatrice regionale del movimento. «Ci stiamo radicando sul territorio, stiamo raccogliendo le forze migliori. Questa è la prima sede del territorio, in una città emiliana a guida centrodestra con cui vogliamo collaborare. È un segnale che diamo a tutta la regione: il popolo smarrito dei moderati cercava una sua casa. Non siamo urlatori della politica, ma concreti come lo è Giovanni Toti nella sua amministrazione. L’obiettivo è portare nel resto del Paese l’esempio della Liguria».

Ospite dell’inaugurazione, il senatore Quagliariello, ex dirigente del Pdl. «Quando quel progetto politico finì – ha ricordato lui stesso – non mi iscrissi a Forza Italia perché lo ritenni un passo indietro. Fondai un movimento, “Idea”, con cui fui eletto alla Camera. Poi questo movimento ha incontrato lungo il cammino quello di Giovanni Toti. Così 14 parlamentari tra Camera e Senato si unirono. Poi altri parlamentari vicini a Luigi Brugnaro (sindaco di Venezia) che si riconoscono nel centrodestra ma con la propria identità. Ora contiamo su 24 deputati e 8 senatori». Ora siamo alla vigilia di un nuovo allargamento. «Creeremo un partito scalabile e aperto, dal nome “Coraggio Italia”, stiamo completando gli ultimi passaggi, a breve ci presenteremo».

L’obiettivo è coprire il centro moderato. «C’è un area politica che si sta inaridendo da molti anni. Noi ci possiamo alleare con le altre forze del centrodestra, ma non siamo la stessa cosa. In tutti i Paesi europei c’è un’area moderata di centrodestra forte. In Francia i gollisti hanno vinto le elezioni regionali contro la Le Pen, non alleandosi insieme. Tanto meno fondersi con lei. La nostra forza può servire per vincere le elezioni un domani, ma soprattutto per governare. Toti e Brugnaro sono due che sanno risolvere i problemi, lo hanno dimostrato in aree sempre appannaggio della sinistra». “Cambiamo” sostiene il Governo Draghi «perché è un punto di equilibrio politico, gode di autorevolezza internazionale e ha fatto uno scatto nella lotta alla pandemia».

E per quanto riguarda le amministrative nella nostra città, al voto nel 2022? «Ci saremo il prossimo anno – avverte Gallini – non sappiamo ancora se nella lista civica o con una nostra formazione, ma sicuramente nel campo del centrodestra. La Giunta Barbieri ha lavorato complessivamente bene, tutto è perfezionabile e vogliamo dare il nostro contributo. Non sarà un appoggio acritico, siamo in grado di esprimere figure e capacità a disposizione per la città». «Spero che ci sia ovunque una nostra lista – aggiunge Quagliariello – a Piacenza e nelle altre città, comprese quelle che vanno al voto in ottobre. Non siamo parte della marmellata centrista che non sa dove stare. Noi stiamo nel centrodestra convintamente».

Cambiamo!: “Rendere pubblici i contenuti delle comunicazioni mandate dalla Corte dei Conti al Comune di Fidenza”

C’è posta per il Comune di Fidenza. Sembra, infatti, che il postino in questi giorni abbia suonato e abbia lasciato delle lettere per la giunta comunale e per il dirigente unico dei Servizi tecnici. Di cosa si tratterà? Abbiamo pensato che potrebbero esserci stati sviluppi in seguito alla relazione degli ispettori del Ministero dell’Economia, che avevano contestato numerose presunte irregolarità al Comune. Quindi la Corte dei Conti potrebbe aver bussato alla porta del Comune. Oppure abbiamo pensato che tutto potrebbe essere legato alle varie cause perse al Tar nelle querelle relativa al concorso da dirigente amministrativo.Chiediamo al sindaco Massari di dare una spiegazione e di dare comunicazione al consiglio comunale e alla città. Se ci sono stati sviluppi dopo la relazione degli ispettori o dopo le sentenze del Tar è doveroso che la città ne sia a conoscenza. Il sindaco Massari deve dire con chiarezza che non saranno i cittadini a pagare di tasca propria gli errori che potrebbero essere stati fatti. Chi ha eventualmente percepito somme senza averne diritto e chi ha redatto atti non corretti deve assumersene la responsabilità pagando di tasca propria l’eventuale cifre da restituire al Comune.


Francesca Gambarini, coordinatore regionale Cambiamo!

Giuseppe Comerci, consigliere comunale Cambiamo!

Parma, Gambarini (Cambiamo!): “Pizzarotti risolva i problemi della Polizia locale”

Il sindaco Pizzarotti festeggia in pompa magna i 200 anni della Polizia locale di Parma. La vera festa sarebbe però risolvere i noti problemi del corpo di polizia che si trascinano avanti da tempo. A partire dalla questione della mancanza di un comandante. Oggi il corpo è purtroppo senza un vertice, senza qualcuno che tiri le fila, coordini, gestisca e dia una strategia. Questo perché il precedente comandante ha preferito trasferirsi, tornando a Parma solo per poche ore a settimana. E non è il primo comandante che ha preferito andarsene da Parma in epoca Pizzarotti. Questo significa che il problema sta nell’amministrazione comunale e nella sua mancanza di strategia. Le conseguenze della mancanza di strategia e di organizzazione ricadono sugli agenti, che ringraziamo per l’impegno e la dedizione che mettono nel loro lavoro. Parma è sempre meno sicura e non si merita un sindaco che nasconde i problemi dietro le cerimonie. Per fortuna il 2022 è vicino. Che Pizzarotti non sarà più sindaco è una consolante certezza

Gambarini (Cambiamo!): “Parma più sporca ed insicura con Pizzarotti”

Tanti elogi, nessuna autocritica. E’ la sintesi della lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dal sindaco di Parma Pizzarotti, che altro non fa che appuntarsi medaglie al petto. Spiace che abbia tralasciato di toccare due tasti dolenti quali la sicurezza e l’inchiesta relativa a Svoltare Onlus, soggetto legato a triplo filo all’amministrazione Pizzarotti. A nostro avviso (e i fatti confermano il nostro pensiero) dieci anni di Pizzarotti hanno reso Parma più sporca, meno sicura e più isolata dal resto della Regione e dell’Italia. Ci riferiamo in particolare alle infrastrutture, tema sul quale le città vicine sono andate avanti mentre qui si continua solo a parlare. Fa sorridere poi vedere come Pizzarotti ritenga che serva un nuovo modello per il centro. Se lo pensa perchè non lo ha messo in pratica in 10 anni? Pizzarotti davvero sembra vivere fuori dalla realtà e fuori Parma e l’unica cosa positiva del suo mandato è che ormai è finito. Il sindaco in questa intervista getta definitivamente la maschera rivelando a chi ancora avesse dubbi di essere un Pd 2.0, anche più a sinistra del Pd. Molto probabilmente alle prossime amministrative l’alleanza Pd – Pizzarotti – il peggior incubo dei parmigiani di buon senso – diverrà realtà, sta a noi di centrodestra ridare alla città un’amministrazione che davvero ama Parma e che la riporti ad essere quel gioiellino che era in passato.