Massari, basta opere faraoniche! Pensiamo a riqualificare

Ora tocca alle stazioni! Massari ha sempre in testa opere da costruire, magari dalle cooperative rosse di cui ha invitato il massimo esponente ora Ministro Poletti, ma alle persone ci pensa mai? Da anni i nostri pendolari vedono sfrecciare i treni dell’alta velocità stando a bordo di vagoni antiquati e tutt’altro che confortevoli.
Prima di immaginare nuovi collegamenti con aeroporto e alta velocità è giunto il momento di pretendere dalla Regione l’acquisto di nuovo materiale rotabile per i pendolari e collegamenti più efficaci con la Lombardia peraltro anche in vista di Expo.
Se poi l’idea di Massari è quella di una collaborazione forte con Salsomaggiore io ritengo che sia prima necessario che i due comuni risolvano i propri problemi perché l’unione di due debolezze non fa una forza. E non ci pare che Salsomaggiore sia in una situazione florida e che allearsi oggi comporti grandi benefici se non per loro: d’altra parte gli paghiamo già i vigili con le multe di noi fidentini!
Noi, invece inizieremmo dalle piccole cose.
Vogliamo immediatamente completare l’area dell’ex forno comunale realizzando un’area verde e un parcheggio. Se avessimo a disposizione i soldi utilizzati per pagare il progetto che avevano previsto di realizzare – in barba alle normative – sarebbero già costruiti ed avremmo un cantiere in meno in mezzo alla città. Il nostro impegno è chiedere il risarcimento del danno ai tecnici e agli amministratori che hanno sprecato questo denaro. Così come chiedere ragione ai tecnici e agli avvocati dei gravi errori fatti per lo spostamento dei tralicci dell’ENEL che spaccano in mezzo il quartiere Europa. Una vicenda vergognosa carica di responsabilità tecniche che non possono essere ignorate.
Non possiamo continuare ad aprire nuovi cantieri, come vorrebbe Massari, senza avere definitivamente risolto i problemi del passato.
Fidenza oggi, oltre a terminare le incompiute, ha bisogno di accurata manutenzione dell’esistente per la quale ci adopereremo con un piano straordinario vista la situazione attuale.
Il quartiere Europa e i Gigliati sono una incompiuta. Villa Ferro manca di servizi alla persona e di attività commerciali di vicinato. In un quadro desolante per la sbagliata programmazione del passato il candidato della Sinistra, che ci sembra più Bersani che Renzi, pensa di avere già smacchiato il giaguaro e di potere fare voli acrobatici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *