Categorie
Francesca

FESTIVAL VERDI. GAMBARINI: ORMAI RELEGATO A EVENTO LOCALE; GOVERNO RENZI ORIENTATO A SOSTENERE CARNEVALE DI CENTO (FE)

“Rigoletto nella polvere, Brighella sugli scudi. Mentre il Festival Verdi viene relegato a manifestazione culturale di carattere locale, il Governo Renzi, per bocca di Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, manifesta interesse a sostenere il Carnevale di Cento (FE); infatti il primo cittadino di Cento rivela che il Ministro “mi ha confermato di avere assunto un impegno davanti al Parlamento per inserire le manifestazioni carnevalesche storiche a valenza nazionale tra gli eventi culturali finanziabili col FUS (Fondo Unico per lo spettacolo)”. L’isolazionismo del Sindaco Pizzarotti – prosegue Gambarini – e la sua drammatica incapacità di fare squadra con le istituzioni locali, in particolare tutti gli enti locali delle Terre che hanno dato i natali al maestro e nelle quali sono stati investiti soldi pubblici, che sta condannando al declino la nostra città, è senza dubbio la causa principale del cono d’ombra in cui è scivolato il Festival Verdi ad appena un anno dalle celebrazioni, dal rilievo planetario, del Bicentenario della nascita del celeberrimo Maestro. All’incapacità conclamata del Sindaco di Parma, si accompagna il tentativo del Ministro Franceschini, ferrarese di nascita, di promuovere tramite una legittima attività di lobby, un’eccellenza culturale del proprio territorio, per l’appunto il Carnevale della città del Guercino. Senza nulla togliere a tale manifestazione, che negli anni, grazie all’impegno dei volontari e delle associazioni locali e al lungimirante sostegno dell’Amministrazione comunale e delle istituzioni del territorio, ha assunto valenza internazionale tanto da gemellarsi col Carnevale di Rio de Janeiro, ritengo inaccettabile per Parma e la sua provincia il destino cui pare condannato il Festival Verdi. In epoca di drastici contenimenti di spesa a carico del settore pubblico, credo sia difficile riuscire a intercettare finanziamenti strutturali. Si impone, pertanto, una sinergia virtuosa con i privati per ottenere adeguate sponsorizzazioni, ma rimane fondamentale che a livello nazionale si riconosca nel Festival Verdi una eccellenza; purtroppo oggi gestita con superficialità dal Comune di Parma che evidentemente non riesce ad esprimere progettualità di grande livello su un tema che fra i pochi può essere considerato una risorsa di livello internazionale. Il requisito fondamentale, però, per un’Amministrazione comunale è chiarezza progettuale e capacità di fare squadra e di relazionarsi ai più alti livelli istituzionali. Caratteristiche che difettano alla maggioranza grillina che amministra la  città di Parma”.

Francesca Gambarini, Consigliere nell’Unione dei comuni delle Terre Verdiane..

Categorie
Francesca

Gambarini: sono sempre i cittadini a rimetterci

Categorie
Francesca

Gambarini: l’Unione Terre Verdiane è un carrozzone costoso

Categorie
Francesca

Gambarini: non perdiamo anche questa realtà territoriale…

Premesso che:

-la Sezione di tiro a segno di Fidenza ha in carico l’attività addestrativa all’uso e maneggio dell’arma corta in dotazione agli agenti municipali;

-nell’adempiere alla funzione la Sezione e gli istruttori al tiro e/o i direttori di tiro assumono, insieme agli Enti datori di lavoro, responsabilità diverse (direttive europee in materia di sicurezza e salute dei lavoratori) qualora, per inadeguatezza addestrativa, gli agenti dovessero provocare incidenti con l’arma su se stessi o su altri e assumono responsabilità qualora un operatore facendo uso dell’arma ottenendo un effetto diverso da quello dovuto provocasse danni alle persone;

-nella consapevolezza delle responsabilità che le Sezioni di TSN assumevano, l’Unione Italiana Tiro a Segno ha istituito corsi federali per istruttori di 1 e 2 livello da impiegare nella attività di formazione del personale che presta servizio armato per enti pubblici e privati;

-si ritiene indispensabile regolare l’accesso alla struttura nei giorni di chiusura al pubblico e di procedere a corsi di formazione teorica e pratica che abbiano conclusione con la verifica sull’apprendimento della materia;

Considerato che:

-sulla base delle cognizioni acquisite nei corsi Federali per istruttori di 1 e 2 livello vi sono modalità di formazione e addestramento ben precise considerate anche le responsabilità personali in ordine all’uso dell’arma;

-è necessaria una costante e continua ripetizione delle operazioni di addestramento scindendo dalla fase di sparo (ripetizione di esercizi senza fare fuoco) ;

-per rispondere al meglio alle esigenze addestrative, con esclusione della formazione teorica, occorre destinare ad ogni seduta di addestramento il tempo di ore 2,30 da ripetersi per più sedute di addestramento per ogni agente secondo gli orari e i costi da concordare con i comandi di polizia municipali interessati;

-la Sezione di Fidenza prevedeva un costo ad agente di 165,00 Euro

Interroga per sapere

-se corrisponde al vero che gli agenti dell’Unione Terre Verdiane vengono mandati per la formazione e per la esercitazione presso la sede di Parma e se questo avviene durante le ore di lavoro;

-se questo confermato chiedo di sapere il costo ad agente presso quest’ultima altra sede;

-la possibilità di condividere con la Sezione di Fidenza un nuovo percorso che indubbiamente aiuterebbe una realtà territoriale oggi in forti difficoltà e che eviterebbe la perdita di una ulteriore attività del territorio.

Categorie
Francesca

E adesso chi paga il danno subito…

Era stato costruito un teorema mediatico-giudiziario per eliminare dalla scena
politica il Presidente Berlusconi. Un teorema che aveva portato ad una condanna
in primo grado grottesca e assurda, ma che oggi viene invece smontato pezzo per
pezzo.
Tutto questo, così come confermato dai leader internazionali,  per dare una
nuova guida all’Italia e lasciare spazio  agli interessi tedeschi e delle
grandi banche.
Monti, Letta e da ultimo Renzi per interessi particolari hanno portato
l’Italia in un tunnel da cui non sarà facile uscire
Nonostante l’amarezza di tanti anni di aggressione siamo però oggi  felici che
la Giustizia, quella vera, sia stata ristabilita ! Ci auguriamo che questa
sentenza possa ridare al nostro Presidente un po’ di serenità
Francesca Gambarini
Presidente Club Forza Silvio Giustizia e Libertà

Categorie
Francesca

Consulta per la sicurezza: non si può più aspettare

ORDINE DEL GIORNO : Consulta per la sicurezza

Il gruppo consiliare di Forza Italia

Considerato che negli ultimi tempi dilagano furti nelle abitazioni private, in luoghi pubblici ed in aziende e che questi atti delittuosi sono generalizzati sul territorio, in centro città, nei quartieri e nelle frazioni;

Considerato altresì che oltre ai furti si stanno moltiplicando atti di vandalismo sia su beni privati che pubblici;

Valutato che cresce dinanzi a questi fatti un senso diffuso di insicurezza che fa chiedere giustamente ai cittadini un’azione adeguata per contrastare quella che si sta delineando come una vera “emergenza sociale”;

Atteso che l’utilizzo delle forze dell’ordine ed il loro efficace coordinamento è fondamentale ma che anche i cittadini devono assumere un atteggiamento consapevolmente collaborativo;

Verificato che attualmente l’Amministrazione comunale non ha un organismo consultivo ad hoc;

Constatato che ogni forza politica ha parlato di sicurezza durante la recente campagna elettorale

Auspicando che la nuova Amministrazione voglia tener conto di quanto da noi sostenuto: incentivare prevenzione e controlli anche attraverso un maggior impiego della polizia municipale; attivare il servizio h24 sul territorio fidentino e migliorare il coordinamento tra essa e le forze dell’ordine; potenziare il sistema di videosorveglianza integrandolo con la centrale operativa dei Carabinieri e installando telecamere di ultima generazione realmente funzionanti nei punti nevralgici della città tra cui il cimitero urbano e le frazioni; riprendere rapidamente il progetto per la costruzione di una nuova caserma dei Carabinieri;

Impegna il Consiglio comunale

-a costituire in tempi brevissimi la consulta per la sicurezza che sia rappresentativa di tutte le realtà cittadine dotate di osservatori privilegiati (categorie economiche, associazioni di volontariato, Scuole, Parrocchie, gruppi sportivi,…) con le seguenti finalità: 1)raccogliere e confrontare informazioni; 2)creare una rete civica di solidarietà collegata con le Forze dell’Ordine; 3)recuperare la coesione sociale e potenziare la coscienza civica (anche attraverso l’istituzione dell’Osservatore civico), elementi indispensabili per fronteggiare le nuove criticità.

Categorie
Francesca

Fidenza non può perdere anche questo servizio..

Da anni attendiamo che Enel tolga i suoi tralicci che attraversano il quartiere Europa e per ora l’unico risultato che rischiamo di avere è che tolgano il centro operativo a servizio dei comuni dell’area ovest della provincia.

Ci auguriamo che il sindaco Massari non viva queste situazioni con la stessa indifferenza che ha caratterizzato il suo predecessore che ha lasciato impoverire la città e le terre verdiane di troppi servizi.

Spostare momentaneamente un servizio in attesa di realizzare una sede per cui realizzazione non esistono progetti esecutivi vuole dire lasciare che il territorio si abitui ad una assenza che non verrà mai più recuperata. Non è ciò che vogliamo per Fidenza. Il nostro territorio, già individuato come polo ordinatore per l’area Ovest di Parma assume sempre più la funzione di polo di riferimento di una area che coinvolge sempre più anche il territorio piacentino.

Difendere i servizi, che siano forniti da soggetti pubblici o privati poco importa, vuol dire difendere questa centralità territoriale che il venire meno delle province rende più evidente.

Per questo motivo chiediamo che il sindaco di Fidenza impegni quanto prima i comuni delle terre verdiane in una strenua difesa della presenza degli uffici Enel con il relativo servizio di pronto intervento. Riteniamo peraltro che si tratti di un presidio di grande importanza ai fini di interventi di protezione civile la cui collocazione oltre il fiume taro potrebbe rappresentare un elemento di forte criticità per l’intero sistema territoriale.

Categorie
Francesca

Interrogazione ad oggetto: arrivi e partenze pullman sostitutivi dei treni locali

Premesso che:

-da qualche tempo sono stati soppressi molti treni sulle linee ferroviarie secondarie che fanno capo alla nostra stazione ferroviaria;

-essi sono stati sostituiti da pullman che portano i passeggeri a  Cremona, talvolta Salsomaggiore e saltuariamente anche a Fornovo, naturalmente comprendendo anche il ritorno;

-da lunedì 23 giugno il punto di partenza ed arrivo dei suddetti pullman, che sono tanti ogni giorno, è stato collocato proprio di fronte all’ingresso del cimitero, appena verso est, su via Marconi.

Considerato che:

-i torpedoni possono da qui evitare un largo giro per giungere in tangenziale e la fermata posizionata nelle immediate vicinanze del sottopasso ferroviario può essere direttamente collegata con le coincidenze da e per altre linee ferroviarie;

-questo ha però sacrificato preziosi posti parcheggio per autovetture dirette al cimitero anche in occasione di funerali, cosa che si ripete tutti i giorni più volte al giorno;

-ha inoltre ostacolato lo svolgimento dell’attività dei due chioschi presenti proprio difronte al cimitero

Interroga la Giunta comunale per sapere

-circa la possibilità di spostare verso ovest la fermata di cui sopra magari ricavando uno spazio adeguato nel parcheggio in fase di realizzazione tenendo presente che il creare una superficie consona potrebbe essere più facile oggi che non a lavori ultimati

Il gruppo consiliare Forza Italia

Categorie
Francesca

Un luogo per i cent’anni di Giorgio Almirante!

Con gli amici di Fratelli d’Italia chiediamo di dedicare anche a Giorgio Almirante un luogo della nostra città….

Ricordiamo che il 27 giugno 2014 ricorre l’anniversario di Giorgio Almirante, un uomo politico che ha calcato la scena fino alla fine degli anni 80; una persona che nella sua umiltà e umanità ha regalato ai giovani un’ etica da salvaguardare. Il suo impegno contro la violenza e verso la pacificazione della lotta politica in un periodo certamente non facile denota il carattere coraggioso ed intelligente; egli ci ha lasciato vari insegnamenti,come ad amare la giustizia, per vivere serenamente. Ha insegnato la coerenza, a non rinnegare,a combattere accanto a quelle forze dell’ordine che vengono denigrate, ad amare la Patria ed il nostro Dio, a rispettare il valore della famiglia, a rispettare il prossimo da cui esigiamo lo stesso rispetto, ad opporci a coloro che vogliono instaurare dei falsi moralismi, a rispettare il lavoro perchè nobilita l’uomo, a sorridere alla vita per non bruciarla.

Ricordiamo tra le sue battaglie vinte,quella per l’elezione diretta dei Sindaci, la revisione della costituzione ed altre battaglie di ristrutturazione del nostro stato burocratico. Non solo ha difeso un’ idea in anni difficili, ma soprattutto ci ha insegnato ad Amare e a non Odiare.

Sulla base delle superiori premesse e di altre che certamente non sfuggono alla intelligenza dei destinatari della presente;

Il sottoscritto, che crede sia arrivato il momento di scrivere una pagina di “bella politica” ricucendo una memoria condivisa

CHIEDE di dedicare anche a Giorgio Almirante un luogo della città approvando il seguente ordine del giorno e comunicando la decisione all’ufficio Toponomastica per l’intitolazione di una via, strada o piazza al Leader della Destra Italiana, riconoscendogli , insomma, quello che la Camera dei Deputati ha già riconosciuto dedicandogli una raccolta, in 5 tomi, per celebrare il protagonista di tante battaglie parlamentari e di tanti discorsi. Per riconoscerci come italiani, senza più odio contrapposto.

Sicuro di un vostro solerte impegno per colmare questa lacuna

Distinti saluti

Giuseppe Comerci gia consigliere comunale di Alleanza Nazionale e oggi consigliere comunale di Forza Italia