No agli aumenti delle tariffe dei servizi cimiteriali

“Fidenza riparte dalla riduzione delle tasse e dei balzelli”: lo slogan usato da Andrea Massari in campagna elettorale era una vera e propria presa in giro nei confronti dei fidentini. Infatti, non contento di aver aumentato le tasse comunali e le tariffe dei servizi scolastici (in maniera retroattiva e senza avvisare le famiglie), il sindaco ha pensato bene di aumentare anche le tariffe dei servizi cimiteriali a partire dal 1° gennaio prossimo. E’ quanto stabilito con la delibera di giunta 204 del 3 dicembre scorso. Naturalmente, nessuno ha pensato di avvisare i cittadini degli aumenti. Il sindaco è troppo impegnato con i giochi di palazzo in Asp e in Unione Terre Verdiane per ricordarsi di avvisare i cittadini di aver aumentato anche il costo dei servizi cimiteriali? Era necessario? Invece di continuare a mettere le mani nelle tasche dei cittadini aumentando tutto quello che si può aumentare, il sindaco e la giunta provino ad analizzare le spese del Comune, cercando di eliminare quelli inutili e riducendo gli sprechi. In questo modo, si eviterebbe di continuare a chiedere soldi ai cittadini. Chiedo al sindaco e alla giunta di tornare indietro e rivedere questa decisione.

Francesca Gambarini

Capogruppo Forza Italia Fidenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi