La Regione sblocchi i fondi per la cura dell’epatite C

La Regione sblocchi al più presto i fondi per la cura dei pazienti affetti dalla cronicizzazione dell’epatite C. Si tratta di una patologia molto grave che in alcuni casi è stata conseguente a trasfusioni di sangue o emoderivati in genere.  La Regione deve, perciò, continuare a farsi carico delle cure per questi pazienti divenuti cronici, sbloccando le risorse e implementando il fondo regionale per i medicinali del caso. L’epatite C è una malattia molto grave che diventa cronica. In tutto il territorio regionale sono centinaia le persone che hanno contratto la malattia e che hanno bisogno di cure. La Regione, a cui fanno capo le strutture sanitarie, non deve lasciarli soli e vanno sostenuti con le più opportune terapie. I medicinali per curare questa malattia sono molto costosi e sono l’unico modo per contrastare la progressione di questa patologia. Insomma, sono un vero e proprio salvavita. Quindi, si tagli la burocrazia, si eliminino gli sprechi e si velocizzi l’iter per sbloccare i fondi: la distribuzione di farmaci salvavita non deve scontrarsi con lungaggini amministrative e burocratiche.

Candidata al Consiglio regionale per Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi