Una politica fiscale a misura di famiglia

La Regione deve usare bene i propri soldi e darsi delle priorità. Una di queste deve essere il sostegno alle famiglie, motore della nostra società. Sono, perciò, d’accordo con quanto proposto dal forum della associazioni familiari: le loro idee dovranno essere tenute in considerazione dalla nuova Giunta regionale, di qualunque colore sia. Il primo passo da fare è una politica fiscale e tariffaria che sostenga le famiglie con figli.

Va applicato il quoziente familiare alle addizionali regionali, alle imposte locali e alle tariffe dei servizi, affinché venga tenuto adeguatamente conto dei carichi familiari e venga rispettato il principio di equità contributiva sancito dalla Costituzione. Parallelamente, vanno sostenute le famiglie in difficoltà a causa della perdita del lavoro: non penso solo a contributi economici ma a un progetto regionale di formazione e qualificazione professionali che agevoli il reinserimento nel mondo del lavoro di chi è rimasto disoccupato.

E’, inoltre, necessario potenziare la rete dei servizi per l’infanzia per favorire la conciliazione lavoro/famiglia ed evitare che le madri si vedano costrette a rinunciare al proprio lavoro per prendersi cura dei propri figli. Quindi si investa per potenziare i servizi per l’infanzia, ampliando, promuovendo e sostenendo la rete dei servizi di nido, compresi quelli gestiti direttamente da associazioni di famiglie o organizzazioni di volontariato, con rigorose procedure di accreditamento e verifica.

Francesca Gambarini
Candidata al Consiglio regionale per Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *