Tagli ai servizi educativi: Pizzarotti chiarisca

Stamattina educatori, rappresentanti sindacali, insegnanti di scuole per l’infanzia sono scesi in piazza per dire no ai tagli ai servizi scolastici di integrazione dei disabili e per chiedere chiarezza sul futuro del welfare e dei lavoratori. Nel tardo pomeriggio c’è stata una fiaccolata, promossa da un gruppo di genitori, a cui hanno partecipato tantissime persone. Il sindaco Pizzarotti e la sua giunta, a questo punto, non possono più tirarsi indietro: devono spiegare quali intenzioni hanno. Serve una progettualità, non si può vivere alla giornata. Pochi giorni fa il sindaco, sconfessando il suo assessore Rossi, ha detto che per quest’anno non ci saranno tagli alle ore di sostegno agli alunni disabili. Niente ci ha detto però per il prossimo anno scolastico. A settembre cosa succederà? Lo dica una volta per tutte, per rispetto alle famiglie e agli educatori. Il sindaco, inoltre, deve fare chiarezza anche sulle scuole per l’infanzia, dato che il vicesindaco Paci ha parlato di riorganizzazione. Si ricordano, Pizzarotti e la Paci, che le rette sono al massimo? Sanno che non tutte le famiglie posso permettersi di pagarle? Siamo di fronte ad un’amministrazione che “gioca” con i servizi, dicendo un giorno una cosa e smentendola il giorno dopo. La giunta si prenda le sue responsabilità e spieghi cosa ha intenzione di fare. Troppo facile dare sempre la colpa al Governo.

Francesca Gambarini

Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi