Di Vittorio, non cali il silenzio sul fallimento

Non deve calare il silenzio sul fallimento della cooperativa Di Vittorio. Non si protegga la casta PCI – PD che ha fatto parte dei cda della coop. Si individuino le responsabilità e non si scarichi il fallimento sui cittadini. Ieri, con il consigliere regionale Tommaso Foti di Fratelli d’Italia, ho convocato una conferenza stampa sul tema. Pubblico l’articolo che ci ha dedicato la Gazzetta di Parma, a firma Annarita Cacciamani

«Sul fallimento della cooperativa Di Vittorio e di Polis spa sta calando il silenzio, vogliamo mantenere alta l’attenzione sulla vicenda, perché le conseguenze non devono ricadere sui cittadini». L’opposizione torna sul caso Di Vittorio: ieri Francesca Gambarini, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, e Tommaso Foti, consigliere regionale di Fratelli d’Italia, ne hanno parlato in una conferenza stampa al caffè letterario Vetr’aria. «Su questa faccenda sta calando un silenzio che fa paura – ha esordito la Gambarini – . La paura è che si voglia tutelare la casta della sinistra che ha fatto parte dei Cda della coop a discapito di chi ha perso con il fallimento i risparmi di una vita. Insieme alle altre opposizioni vogliamo tenere alta l’attenzione sulla vicenda perché vengono individuati i responsabili. Il Pd non cerchi di sviare: basta leggere i nominativi dei membri del Cda della Di Vittorio (di cui hanno fatto parte tanti esponenti del centrosinistra) per capire che c’è un legame fra la coop e quel centrosinistra che governa e ha governato Fidenza». Foti ha parlato dei rapporti fra Di Vittorio e Regione, tema su cui ha presentato un’interrogazione. «La Regione ha concesso alla Di Vittorio finanziamenti per diversi milioni di euro ed ha nominato un legale per insinuarsi nel passivo, che ammonta a 67 milioni contro un attivo di circa 4 milioni. Davanti a noi ci sono tanti scenari e la Regione mi ha risposto che sta valutando le strade da percorrere per tutelare i propri interessi e analizzare le ricadute sul territorio e sulle famiglie che vivono negli alloggi della proprietà indivisa. Purtroppo sarà difficile recuperare i 12,5 milioni di euro del prestito sociale – ha affermato Foti – . E’ evidente però che il passivo nasce da lontano. Chi ha fatto parte dei cda della Di Vittorio dovrebbe assumersi le proprie responsabilità. Serve un’azione di responsabilità per tutelare i soci». Presente fra il pubblico Gabriele Rigoni, capogruppo di Rete Civica che ha rinnovato l’appello al sindaco «di fare chiarezza sulla questione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *