“C’era una volta Parma sicura…”

La sicurezza a Parma e non solo è stata al centro dell’incontro “C’era una volta Parma sicura…” organizzato martedì dall’associazione culturale ControCorrente nella sala civica di via Marchesi a Parma. Ospite dell’iniziativa è stato Franco Maccari, segretario generale del sindacato di polizia Coisp. Dopo i saluti del socio di ControCorrente Luca Ziveri, Andrea Carrara, altro socio di ControCorrente, ha tracciato un quadro generale della sicurezza in Italia, evidenziando in particolare i continui tagli alla sicurezza messi in alto dal Governo e la situazione di difficoltà in cui operano le forze dell’ordine. Quindi ha preso la parola Franco Maccari, che ha parlato di sicurezza a 360 gradi. “Nessuno ci interpella quando si fanno provvedimenti in materia di sicurezza – ha spiegato – . E pensare che la polizia ha tantissime competenze. Passaporti, stranieri e ordine pubblico, solo per fare qualche esempio. E in questo momento abbiamo toccato il punto più basso di non sicurezza: la politica continua a fare tagli e a pensare soltanto a risparmiare, bloccando anche le assunzioni. Purtroppo manca anche l’educazione civica nelle persone”. Altro tema l’immigrazione: “Contro i clandestini abbiamo spesso le mani legate, se qualcuno viene sorpreso a delinquere (se si tratta dei cosiddetti reati minori) possiamo solo invitarlo a lasciare l’Italia. Ovviamente nessuno lo fa e queste persone in qualche devono procurarsi da mangiare e da bere – ha evidenziato Maccari – . Oltre alla Sicilia, un altro punto critico è la stazione del Brennero, dove la Polfer è in difficoltà per la scarsità di uomini”. Infine, Francesca Gambarini, presidente di ControCorrente, ha illustrato a Maccari la situazione di Parma: “siamo in una situazione di emergenza: i cittadini devono sopperire alla mancanza delle istituzioni facendo loro stessi delle ronde. Cosa si può fare per cambiare le cose?”. Maccari è stato perentorio: “Per avere più sicurezza servono investimenti, più uomini e più risorse. Tutte le altre iniziative sono semplici palliativi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi