Fallimento Di Vittorio, Gambarini (FI): “Rischio concreto che milioni di mutui ricadano sul Comuni. I fidentini ringrazino il Pd”

Fallimento Di Vittorio, Gambarini (FI): “Rischio concreto che milioni di mutui ricadano sul Comuni. I fidentini ringrazino il Pd”

FIDENZA, 10 mag. – “Non possiamo e non vogliamo fare fronte ad obblighi che vennero assunti dalla Di Vittorio”. Così diceva nel 2015, all’indomani del fallimento di Di Vittorio e Polis, Andrea Massari, sindaco di Fidenza ed ex amministratore della coop Di Vittorio. “Come suo solito, il sindaco l’aveva sparata grossa – commenta Francesca Gambarini, capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Fidenza (Pr) – . Oggi, a distanza di tre anni, il rischio che il 27 milioni di mutui che gravano sugli alloggi della coop Di Vittorio – se non tutti, una gran parte – ricadano sui Comuni (cioè sui cittadini) è più concreto che mai. Dagli ultimi sviluppi del fallimento, emerge infatti che trovare un acquirente per il patrimonio di alloggi della proprietà indivisa sia molto difficile e tanto più trovare un acquirente che si accolli anche gli oneri che gravano su tali alloggi. Il rischio che i mutui ricadano sui cittadini è davvero molto concreto. Se questa nefasta ipotesi diventasse realtà i fidentini devono aver ben chiaro chi ringraziare: la sinistra locale del fu Pci, poi Pds, poi Ds e oggi Pd. Non lo dico io, ma lo dicono i fatti, dato che illustri esponenti della sinistra fidentina hanno amministrato la Di Vittorio: fra questi l’attuale sindaco di Fidenza. E lo ha detto anche il capogruppo del Pd in Consiglio comunale: ‘la Cooperativa Di Vittorio e la sinistra fidentina sono stati parenti strettissimi per anni’, dichiarava il capogruppo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi