Interrogazione sugli adempimenti in materia di anticorruzione

Al Sindaco
All’Assessore competente

Interrogazione a risposta scritta

Oggetto: In materia di anti corruzione: adempimenti e previsioni della legge 6/11/2012 nr.
190 e con il P.N.A. approvato con delibera nr 72/2013

Premesso
– che le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del d.lgs 165/2001 sono tenute ad adottare criteri per realizzare la rotazione del personale dirigenziale;
– che l’atto di disciplina delle rotazioni è indicato nell’ambito del P.T.P.C.;
– che la Circolare nr. 1 del 25/1/2013 del Dipartimento della Funzione Pubblica al punto 2.4 prevede che il Responsabile della prevenzione anti corruzione deve “verificare l’effettiva rotazione degli incarichi negli uffici “ in attuazione delle previsioni dell’art. 1, comma 10, lett. B) della legge 190/2012;
– che con l’intesa fra Governo, Regioni ed Enti Locali per l’attuazione dell’articolo 1, commi 60 e 61, della legge 190/2012 al punto 4 si sono stabiliti i criteri per la rotazione dei dirigenti oltre che prevedere che gli enti adeguino i propri ordinamenti alle previsioni di cui all’art. 16, comma 1, lettera 1-quater del d.lgs 165/2001 in modo da assicurare la prevenzione della corruzione mediante la tutela anticipata;
– che il P.N.A. approvato con la delibera 72/2013 prevede “che la misura deve essere adottata in tutte le amministrazioni”;
– visto l’art. 147 del Tueel;

Considerato
– che recentemente nell’ambito dell’inchiesta che ha coinvolto importanti dirigenti ministeriali si è accertato che la mancata rotazione ha portato a fenomeni corruttivi di ampia portata ;

Si interroga il Sindaco e la Giunta

a) per sapere con quale atto di Giunta (organo competente individuato dalla direttiva Civit nr 12/2014) è stato adottato, entro il 31/1/2015, l’adeguamento del P.T.C.P. per il triennio 2015/2017 ai sensi e per gli effetti dell’art. 1 comma 8 della legge 190/2012 e di averne copia (si ricorda che se omesso tale adempimento costituisce elemento di valutazione della responsabilità dirigenziale) nonché di avere copia della ricevuta di trasmissione al Dipartimento della Funzione pubblica;
b) di avere conoscenza che lo stesso sia stato comunicato personalmente ad ogni collaboratore e con quale mezzo avente data certa;
c) di conoscere da quanto tempo i dirigenti in servizio ricoprono la stessa posizione e se, questo fatto, è stato oggetto di valutazione da parte del responsabile Anti Corruzione ed atal fine si chiede di avere copia di questa analisi ai sensi dell’art. 1, comma 7 della legge 190/2012;
d) di avere copia dell’attestazione da parte dell’OIV della certificazione di assolvimento degli obblighi di pubblicazione in relazione agli stessi;
e) di avere copia dell’analisi e verifica dell’efficace azione di rotazione degli incarichi da parte del responsabile della prevenzione della corruzione all’interno della relazione che lo stesso ha inviato alla Giunta per l’anno 2014 alfine di attestare il rispetto dell’attuale quadro dirigenziale ai principi richiamati dall’art. 1 comma 10 lettera c) della legge 190/2012;

Fidenza, 22 marzo 2015

Francesca Gambarini
Capogruppo Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *