Fidenza, Gambarini (FI): “Un bilancio che va contro quanto stabilito dal Tar”

Fidenza, Gambarini (FI): “Un bilancio che va contro quanto stabilito dal Tar”
FIDENZA, 22 dic. – “Voler bene a Fidenza vuol dire prima di tutto avere rispetto per i cittadini e rispettare ciò che le sentenze dei tribunali amministrativi prescrivono di fare. Il bilancio elettorale presentato dal sindaco Massari ieri è un bilancio che va dalla parte opposta di quello che non una ma ben tre sentenze del Tar prescrivono di fare. E’ per questo che non potevamo partecipare al voto su questo bilancio, non potevamo votare un documento che va contro ciò che è stabilito dal Tribunale”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Fidenza, all’indomani del Consiglio comunale. “Andare contro alla sentenza – sottolinea – vuol dire esporre il Comune e quindi la città a altri rischi. Abbiamo chiesto di prendere un po’ di tempo per aspettare il responso finale del Consiglio di Stato o di adeguare i documenti a quanto stabilito dal Tar. Invece no: il sindaco è voluto andare avanti, contro le prescrizioni del tribunale. Senza neanche mettere in conto che una sentenza contraria del Consiglio di Stato potrebbe far cadere tutto il suo castello di carte. E’ questo rispetto per i cittadini? Per noi no, per noi è un prenderli in giro, pur sapendo che c’è una grossa spada di Damocle pronta a cadere. Il bilancio va dalla parte opposta rispetto a quanto prescritto dal Tar. Fatto questo evidenziato anche dai revisori dei conti, il cui parere, consegnatoci anche con un po’ di ritardo, è per l’amministrazione carta straccia. Non ci vogliamo prestare al giochino di un sindaco che si sente superiore perfino ad un tribunale amministrativo. Secondo noi, l’amministrazione sta sottovalutando questa vicenda, rischiando di infilare il Comune in un vicolo cieco. Detto questo, lasciamo pure il sindaco a crogiolarsi nel suo bilancio elettorale, che dà il via a una nuova stagione di cementificazione, nella sua arroganza e nel suo sentirsi superiore a tutto. Anche alle sentenze. Ci auguriamo che questo voler ostinatamente andare avanti in questo modo contro tutti e tutti non ricada alla fine sulla tasche dei cittadini. Lo speriamo per la nostra Fidenza, a cui noi vogliamo bene. Altri, forse, no”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*