Cultura e turismo: ripartire dagli spazi oggi vuoti

È possibile fare cultura avendo un progetto da costruire e delle idee da valorizzare senza che sia necessario avere tanti denari da spendere【業務用】ステンレス折り畳みカート ESW-K3 【 メーカー直送/代金引換決済不可 】. È però fondamentale sapere coinvolgere chi vuole partecipare alla vita culturale【デスクオンファンシークロック (6145) ※セット販売(120点入)】2017年 販促品・ノベルティグッズ【楽ギフ_包装】, dal volontariato agli imprenditori illuminati【SX ベロナ ジュースディスペンサー 5L U17-1000】 幅280×奥行210×高さ515(mm)【業務用】【グループA】. Con i 150 anni dell’Unità d’Italia e del Teatro Magnani abbiamo mostrato cosa si può fare con belle ideeソファ 3人掛け ヘッドレスト付き カウチソファ 設置無料, un progetto serio e la determinazione nel realizzarlo【GET!生活の木 エッセンシャルオイル セージ 1000mL】精油・アロマ. Quel pezzo di esperienza è la linea guida di un cammino che si è interrotto e che siamo pronti a proseguire【4000円OFFクーポン配布中】 キッズコーナー 病院 歯医者 休憩所 TB-1231.
Questo ci consentirà di completare la fruibilità del complesso storico delle Orsoline【クーポン獲得】【ポイント10倍】【3000円以上送料無料】ムーミン生誕70周年ダイヤモンド?ホワイトセラミックウォッチリトルミィ 3個セット, valorizzandolo come contenitore museale e creandovi altri spazi di cultura【あす楽】アイロボットiRobot掃除機ルンバ876 15点Iセット、景品、二次会 景品、目録、ゴルフコンペ、忘年会、新年会. Già oggi è sede della biblioteca comunale ma vogliamo che ampli la sua multisettoriale aprendosi il più possibile ad ogni forma di espressioneK18ゴールド×ダイヤモンド「モルガン」ネックレス ペンダント★0.25ct パヴェ マイクロ 三角 個性 オレフィーチェ: dal cinema alla musicatecnico テクニコ ラッシュグランディールまつ毛化粧品3種販売セット(gra3set) まつ毛エクステ, dal teatro alla moda, dalla fotografia alla pittura, con la realizzazione di spazi appositamente dedicati e attrezzati. La nascita di realtà associative di tipo culturale sarà passaggio necessario per potere assicurare la sua massima fruizione ed apertura.
Fidenza deve riavere un cinema, perché non può considerarsi tale la saletta minimale recentemente attrezzata all’ex macello. Su questo punto si deve riaprire il dialogo interrotto con la diocesi e con tutti coloro che sono interessati a far riavere alla città uno spazio di cultura e di svago ancora oggi indispensabile.
Tutto il territorio comunale dal centro alle frazioni ha un potenziale di attrattività turistica ancora da valorizzare. L’amministrazione comunale deve lavorare in sinergia con i territori vicini da Salsomaggiore a Busseto, fino al capoluogo di provincia ma anche con i grandi insediamenti commerciali, attuando una politica di marketing che invogli i visitatori a visitare le bellezze di Fidenza. Il rapporto con il Fidenza Village dovrà essere maggiormente orientato ad una adeguato interrelazione tra i milioni di clienti che raggiungono Fidenza per i propri acquisti e la loro scarsa propensione a conoscere il territorio. La dirigenza del Village deve impegnarsi concretamente ad agevolare i flussi verso il centro e le attività turistice e ristorative diffuse sul territorio rurale.
Le potenzialità della via Francigena, ancora purtroppo solo sulla carta al di là di qualche cerimonia, sono ancora in attesa di trovare una concreta attuazione.
Vi è bisogno di realizzare servizi per i turisti, in primo luogo il parcheggio per pullman per la visita al nostro magnifico Duomo ed agli altri monumenti del centro. Vogliamo rivalutare, anche per renderla più efficiente, la gestione diretta dell’ufficio turistico poichè troppo poco è stato fatto – e con risultati insoddisfacenti – per attrarre turisticamente sul patrimonio artistico culturale e paesaggistico del borgo e delle frazioni i grandi flussi di utenza extraregionali degli insediamenti commerciali a nord della città. Ci interessa il progetto di pacchetti turistici su tutto il territorio comunale da valutare insieme a imprenditori interessati valorizzando le peculiarità oltre che della città anche delle singole frazioni nelle quali vi sono luoghi di notevole interesse come, ad esempio, Castione Marchesi sito di indubbio valore storico dalle terramare al romanico.

La sicurezza di Fidenza inizia dalla Stazione

“La brillante operazione anti-truffa degli uomini della Polfer a Fidenza riportata dalla stampa, ripropone il tema dell’importanza di mantenere inalterati gli standard dei servizi a garanzia e tutela del cittadino della stazione di Fidenza”.
Giuseppe Comerci, candidato nella lista di Forza Italia che sostiene Francesca Gambarini, si dice soddisfatto e ringrazia gli agenti della Polfer “Per il lavoro quotidiano svolto a favore della sicurezza dei cittadini. Le realtà come la stazione ferroviaria di Fidenza – continua Comerci – devono essere tutelate tenendo conto del pendolarismo sull’asse trasporti stico Milano-Bologna che può diventare appetibile per la delinquenza organizzata e per i malintenzionati di ogni tipo. L’operazione condotta in questi giorni – conclude Comerci – evidenzia l’alto grado di professionalità degli agenti ai quali deve andare il plauso di tutta la nostra comunità”.

L’ospedale di Vaio, una risorsa da potenziare

La difesa delle infrastrutture sanitarie è un obiettivo imprescindibile per una amministrazione che vuole salvaguardare la qualità della vita dei propri cittadiniオーダーフレーム モールディング【I-3017 黒】Iランク額縁内寸法 縦+横の計 1301〜1400mmまで. In un contesto di riduzione della spesa sanitaria è possibile difendere il nostro ospedale favorendo eccellenze che lo rendano di interesse per un bacino di utenza allargato『ステンドスクリーン』 パネル・パーテーション スクリーン パーティション ついたて 衝立 スクリーン 間仕切り 木ガラス 木目 アンティーク 4連 おしゃれ 間仕切 ステンドガラス 4連スクリーン .
La contiguità con la città di Salsomaggiore deve spingerci a valorizzare la funzione che il nosocomio di Vaio può avere nel campo della riabilitazione favorendo sinergie di più alta qualificazione con i servizi presenti nella vicina Villa Igeaトーエイライト(toeilight)コートローラー500 [品番:B3912]グラウンド :: グラウンド整備 :: コートローラー. Si tratta condividere con la città termale le potenzialità della struttura ospedaliera facendone un erogatore di servizi di qualità di portata sovra regionaleセミオーダー 壁面収納 ライフシリーズ 飾り棚rs006-4-5734 幅57cm[fv]. L’esperienza del centro riabilitativo Cardinale Ferrari di Fontanellato deve esserehttp://www.normaestates.com, a tal riguardo【正規商品】【公認メンテナンスセンター直営】BMW M_チャコールCharcoal, esempio da ripetere e rafforzareエバーグリーン(EVERGREEN) ルミノックス エバーグリーンエディション【SMTB】.
La presenza di utenti provenienti da fuori territorio permetterebbe di potenziare tutta la rete di reparti attualmente presenti e di fare divenire il nostro un ospedale di riferimento per un territorio superiore a quello attualmente assegnato三菱電機 業務用エアコン 天井吊形 2,5馬力 シングルタイプ(天吊り形)  冷暖房セット型式: PCZ-ERMP63SKM 単相200Vタイプ  ワイヤードリモコン 業務用エアコン取付工事もお任せ下. Occorrerà sostenere a livello istituzionale l’implementazione dei servizi di pediatria【豪華特典付】伊藤超短波 AT?mini2 AT ミニ2 2チャンネル同時出力でアスリートをさらに強力サポート, puericulturaアコーデオンドア!トーソー アコーデオンドア クローザ エクセル TD-5061/TD-5062 グロス?ピアニー, otorinolaringoiatria e oculistica. Inoltre si potrà cogliere l’opportunità del superamento delle provincie -con una nuova pianificazione territoriale- e la temporanea chiusura e successiva rimodulazione dell’ospedale di Fiorenzuola.
Favorire la riduzione dei dirigenti amministrativi liberando risorse per le spese sanitarie.

Frazioni e quartieri, luoghi in cui vivere

Le frazioni e i quartieri sono i nuclei aggreganti della cittàジュエリー?アクセサリー?レディース?指輪?リング?ホワイトゴールド?ダイヤモンド?グリーンガーネット?フラワー?花?ダイアモンド?送料無料?刻印無料?品質保証書?代引手数料無料?1月誕生石 ?ギフト. Una politica di sviluppo e di coesione deve prevedere un ruolo attivo di tali realtà territoriali che in questi anni non hanno trovato nell’amministrazione l’attenzione necessaria per risolvere sia i problemi logistici e organizzativi che le risposte tempestive alle esigenze di manutenzione e mantenimento del patrimonio comune【業務用】【 特大フルーツスタンド 】 【 業務用厨房機器 カタログ掲載 プロ仕様 】. La creazione di comitati di quartiere e di frazione e la previsione di una consulta cheSAアルミ製 Z型バスボックスカート 【 業務用 】 【 厨房用カート 】 【20P05Dec15】 メイチョー, in collaborazione con i consiglieri comunali【GBF-1611D】ノーリツ 16号 ガス給湯器 給湯専用 屋内設置 調理台形 【ノーリツ/NORITZ】【GBF1611D】【屋内設置型/都市ガス/プロパン/ノーリツ/ハーマン/16号】, relazioni sistematicamente con l’assessore ai lavori pubblici deve essere la risposta alla richiesta di una maggiore presenza del comune e una più tempestiva risposta ai bisogniガラージ グリッド収納庫GR 本棚 4段3列セット GR-1216 キャンディブル- 417-372 (GR1216)【メーカー直送品・返品キャンセル不可】 [代引不可].
I quartieri e le frazioni devono poter contare sulla presenza di servizi di vicinato che riducanoUK 18-8 アッタッチャブル小判飾台 26インチ用, per chi ha difficoltà di spostamentoノーリツ la.la auto (ララオート)NLW2276AACSIR 右高火力 都市ガス用, i disagi legati alla lontananza dei servizi e delle attività commerciali期間限定!!ゼファルリン Zephylrin 栄養補助 3箱3か月分. Il rafforzamento di realtà territoriali organizzate può portare a forme di collaborazione che sfocino con la gestione da parte degli stessi comitati delle aree verdi e delle strutture pubbliche presenti nei relativi quartieri e frazioni靴べら ダークホース(日本製) ダークホース ブラウン/40点入り(代引き不可)【ポイント10倍】. Tali forme di collaborazione possono portare anche l’emissione di bonus a favore dei singoli partecipanti a riduzione del carico fiscale localehttp://www.bowlingdir.com.
Una mobilità maggiore tra frazioni, quartieri e centri di servizio della città (ospedale, stazione, centro…) può essere incentivata con il potenziamento del servizio di Taxi sociale.

Viabilità semplificata per una mobilità garantita

La città deve essere fruibile da tutti, la mobilità è pertanto un diritto di cui l’amministrazione comunale deve farsi garante. Questa garanzia deve essere data a tutti in particolare alle categorie svantaggiate che nel borgo e nelle frazioni sono in difficoltà per la mancata attuazione di un piano organico per l’abbattimento delle barriere architettoniche nonostante la disponibilità di finanziamenti regionali e nazionali.
La ridotta mobilità causata dalla crisi economica non deve farci pensare che il problema del traffico sia improvvisamente passato in secondo piano. Lo studio di un piano di mobilità urbana effettivo che corrisponda alle esigenze dei cittadini resta prioritario. Resta immutato il fabbisogno di parcheggi in centro. La realizzazione dell’ampliamento del parcheggio presso il cimitero è una risposta parziale orientata principalmente all’intermodalità a favore della stazione ferroviaria. Pensiamo al riguardo a strutture interrate da realizzare in project financing a costo zero per le casse comunali con investimenti privati e tecnologie avanzate.
La realizzazione di un’area verde e di una ventina di posti macchina sull’area dell’ex forno comunale può essere la risposta più tempestiva ad un necessità impellente; rimane però prioritario l’avvio dei lavori del parcheggio Guernika.
Resta poi irrisolto il nodo del passaggio a nord della linea ferroviaria e quindi il superamento dell’imbuto rappresentato dal sottopassaggio del cimitero; dal nostro punto di vista bisognerà rivalutare le decisioni – in sinergia con RFI – per collocare il nuovo passaggio all’altezza dell’ex foro boario.
Più in generale sono tuttora problematici – e dovranno quindi essere rivisti – gli accessi alla città da parte del traffico dalla rete extraurbana. Occorrerà trovare finalmente una soluzione all’annoso problema che deturpa una zona importante della città realizzando la rotatoria di viale Gramsci e intervenire sulle rotonde più problematiche. Il piano delle “mini rotonde” realizzate dall’ex assessore Massari si è infatti dimostrato utile solo se il traffico fosse realizzato con mini-car e scooter purtroppo passano ancora per Fidenza auto, furgoni, autoarticolati. Occorre pertanto adeguarle.
Riteniamo infine di dovere investire sulla mobilità ciclabile. Vorremmo ulteriormente incrementare le infrastrutture stradali per questo tipo di mobilità rendendole più sicure e stabili, in particolare sulle rotatorie. Inoltre vogliamo valutare il ripristino del bonus per l’acquisto di bici elettriche, la possibilità di utilizzare il bike – sharing e la creazione di una rete di piccoli parcheggi dotati di colonnine di ricarica alimentati da pannelli fotovoltaici.
Il fatto di non avere competenze sulla gestione della rete ferroviaria non deve sollevare l’amministrazione comunale da un impegno serio e fermo nei confronti del gestore del servizio di trasporto ferroviario e della Regione affinché migliori significativamente la qualità dei mezzi di trasporti e la puntualità.

Giovani, la ricchezza del futuro

I giovani oggi hanno bisogno di speranza e fiducia nel futuro. La prima politica a loro favore è amministrare con intelligenza, giustizia e parsimonia. Bisogna abbandonare ogni personalismo e sviluppare il confronto e il dialogo tra culture e pensieri differenti. In questo senso il tavolo delle politiche giovanili, che ha visto incontrarsi e confrontarsi i giovani delle scuole di Fidenza e quelli impegnati nelle varie realtà associative della città, deve essere sempre più un luogo di scambio.
L’impegno che vogliamo indirizzare ai giovani è finalizzato a fornire loro gli strumenti educativi e formativi necessari per avere un posto di lavoro dignitoso ed essere cittadini consapevoli. Non si tratta pertanto solo di lavorare sul sistema dell’istruzione e formazione ma anche su quello dell’impresa che deve essere aiutato per tornare a produrre occupazione. Vogliamo promuovere l’imprenditoria giovanile creando uno spazio per i giovani imprenditori e le start-up locali, oltre a prevedere un canale privilegiato con l’amministrazione e una politica di sgravi fiscali, servizi di consulenza e di assistenza gratuita, dove i giovani che vogliano investire sul proprio territorio possano trovare personale qualificato che sappia aiutarli nella ricerca dei finanziamenti, nella costruzione di un business plan e nella pianificazione delle varie attività. Il baricentro di questa azione dovrà essere un rinnovato Punto Giovane che deve tornare ad essere il contenitore e lo strumento principale delle politiche giovanili. Ne vogliamo peraltro ampliare il raggio d’azione a settori come il lavoro, la famiglia, l’educazione e la prevenzione delle tossicodipendenze, dell’alcolismo e delle malattie sessualmente trasmissibili.
Occorre poi stimolare l’insediamento di quei locali ludico-espressivi, oggi mancanti a Fidenza e organizzare eventi per i giovani  nel centro storico e in tutti quei contenitori oggi sottoutilizzati che potrebbero offrire la possibilità ai giovani di esprimere il loro talento e la loro arte. Ripristineremo lo Skate Park che tornerà ad essere un luogo di divertimento ed aggregazione gratuitamente disponibile per i ragazzi.
I giovani studenti universitari non hanno spazi dove poter studiare in tranquillità nelle ore di chiusura della biblioteca, pertanto valuteremo forme di autogestione per favorire un ampliamento degli orari di apertura e degli spazi a disposizione anche nei giorni festivi.

Crack Di Vittorio: subito un tavolo provinciale

Penso che la richiesta avanzata dal comitato di difesa dei soci della cooperativa Di Vittorio di istituire un tavolo di crisi provinciale sia più che condivisibile. È per questo motivo che, insieme a Manuela Spaggiari candidata con nella lista civica “Identità e Valori”, pur non avendo la necessaria documentazione per approfondire i contenuti del piano concordatario della cooperativa, ci pare utile segnalare che è mancata una formale delibera dell’Assemblea dei soci in merito al piano approvato dal tribunale, così come appare repentina la decisione di procedere all’istanza concordataria rispetto a quanto evidenziato dal professor Tasca, che forse poteva garantire sia la proprietà indivisa che il recupero del prestito sociale quale migliore garanzia per i soci stessi.
Ci pare, inoltre, singolare pensare che nel momento di grave crisi della cooperativa Di Vittorio possa essere previsto un compenso per i membri del consiglio di amministrazione. La convocazione del tavolo di crisi provinciale con i soggetti istituzionali, i rappresentanti dei soci e coloro che attualmente detengono poteri all’interno degli organi cooperativi, naturalmente, dovrebbe vedere la partecipazione attiva della Lega delle Cooperative ai vari livelli decisionali. Crediamo che questo possa essere utile per trovare le migliori garanzie per la tutela della cooperativa e dei suoi soci visto che l’obiettivo di tutti è il salvataggio di questa realtà del nostro territorio, la restituzione ai soci dei loro impegni e la tutela della proprietà indivisa. Chiediamo che a questa iniziativa si uniscano i rappresentati delle varie liste, che oggi concorrono alle elezioni amministrative di Fidenza, ed in primis il candidato del centrosinistra Andrea Massari, che ha il dovere di dare un significativo contributo, dal momento che è stato membro del consiglio di amministrazione della Di Vittorio fino al 2006.